Le Marche sono una terra ancora da scoprire. Fino ad oggi se ne 猫 giusto grattata la superficie, accorgendosi delle bellissime coste del Conero e del pregio artistico delle sue citt脿 storiche come Urbino o Fermo. Ma le Marche hanno ancora tantissimo da dare, in termini di paesaggi, di bont脿 enogastronomiche, di cultura. Chi di dovere ne 猫 consapevole e sta impostando un鈥檌mportante campagna di comunicazione internazionale volta a promuovere tali ricchezze, costituendo un caso di successo in un panorama italico altrimenti arido di proposte comunicative organiche

 

039

 

Un piccolo passo in pi霉 alla scoperta della regione Marche 猫 stato fatto al ristorante Il Canneto dello Sheraton Malpensa. Infatti il mese di febbraio del tour d鈥橧talia enogastronomico 鈥減er tutti i gusti鈥 猫 stato proprio dedicato alla cucina ed al vino della verde regione che ha dato i natali ad uno dei sommi poeti italiani: Giacomo Leopardi. Un piccolo viaggio alla scoperta dei capisaldi della produzione marchigiana e di alcune piccole squisitezze ben celate.

 

001

 

Dopo una breve quanto apprezzata ouverture fatta di sfiziosi fingerfood che ha introdotto la cucina marchigiana, cucina di terra e di mare, si 猫 preso posto a tavola per essere deliziati dai piatti preparati dagli chef ospiti. La partenza 猫 affidata allo chef Lucio Pompili del Symposium di Cartoceto (PU) che parte subito alla grande col filetto di cinghiale poco cotto e sanape. Un titolo sintetico per un piatto che in realt脿 presentava, oltre al protagonista filetto, una serie di attori comprimari scelti fra i tagli meno nobili dell鈥檃nimale: pancetta e rognone. Cotture e preparazioni diverse che hanno esaltato le differenti espressioni gustative dei tagli, un piatto maturo, che non vuole stupire con effetti speciali, ma far innamorare il palato con la sua grande gustosit脿. Abbinamento arrischiato col Vigna Novali Verdicchio dei castelli di Jesi riserva 2010 di Terre Cortesi Moncaro. La preparazione delicata del cinghiale facilita il compito al vino che si comporta molto bene, pur necessitando ancora di un paio d鈥檃nnetti per sfoderare al聽 meglio le proprie doti

 

020

 

015

 

 

Lo chef Errico Recanati del ristorante Andreina di Loreto (AN) delizia i commensali con un bel bis di primi fra di loro completamente antitetici. Da una parte il risotto ciauscolo e arancia con farina di olio: bello sposalizio fra sapori, presentazione d鈥檌mpatto col riso racchiuso all鈥檌nterno della scorza dell鈥檃rancia merlettata con l鈥檌nteressante farina di olio essenziale dell鈥檃rancia stessa, una globale delicatezza nei tratti e nei sentori. Dall鈥檃ltra i fusilli Mancini con ragout d鈥檃natra alla maggiorana: presentazione spartana, cottura perfetta, sapori di una volta, contadini, di quelli che non ti stanchi mai e poi mai di mangiare. Un piatto della tradizione che non ha paura di mostrarsi completamente spogliato di ogni orpello. In abbinamento una piccola chicca: l鈥橧mpero Marche IGT 2010 di Fattoria Mancini: un pinot noir cresciuto respirando salsedine, vinificato in bianco ed affinato in barrique, una bellissima scoperta da dimenticare in cantina per un pario d鈥檃nni

 

Senza nome1

Senza nome

021

 

La portata principale della cena 猫 affidata al giovane e preparatissimo Stefano Ciotti di Urbino dei Laghi ad Urbino (PU): coniglio in Potacchio. Il Potacchio 猫 una cottura tradizionale in casseruola con erbe aromatiche, ed il coniglio (dell鈥檃zienda ICAM dell鈥檃lto Metauro) preparato da Stefano 猫 di rara morbidezza. La riscoperta di tradizioni antiche combinata alla perfetta conoscenza della materia prima risulta in un piatto sorprendente per semplicit脿, sostanza e gusto. In combinazione un classicissimo dei rossi marchigiani: il Dorico Rosso Conero riserva 2008 di Moroder. Blend maggioritario di Montepulciano (almeno l鈥85%) e Sangiovese per il saldo, di grande struttura ed ampio respiro in cui per貌 spicca ancora in maniera preminente il legno che verr脿 assorbito col tempo

 

033

 

031

 

La dolce chiusura 猫 invece opera dello chef Michele Biagiola di Le Case, Macerata (MC), ed 猫 un inno alle Marche: mela cotta di Camerino accompagnata dal vino di visciole dell鈥azienda Si.Gi. e dal vino cotto stravecchio Occhio di Gallo dell鈥檃zienda Tiberio

 

051

 

012

 

Una serata聽 interessante e rinfrancante alla scoperta di una delle regioni聽 pi霉 sottovalutate d鈥橧talia: le Marche

Articolo scritto e redatto da Federico Malgarini | Tutti i diritti sono riservati