Durante il salone internazionale del mobile, che si è concluso il 17 aprile scorso, a Milano, sono stati presentati diversi progetti interessanti ed ambiziosi che hanno voluto celebrare la creatività e il design dedicato agli interni. Uno dei progetti sicuramente più interessanti è quello coordinato dal rinomato studio di architettura Tengborn, con le speciale collaborazione dell’ambasciata svedese.

Si tratta di una vera e propria celebrazione dell’estro svedese che non è mai stato così giocoso. Interpreti nel segno del design e sperimentale e vestiti con i suggestivi colori dei paesaggi svedesi, i materiali naturali come legno, fibre tessili, vetro e metalli nativi, hanno dato vita alle inedite collezioni protagoniste di SWEDEN plays!, l’esposizione collettiva che nasce per iniziativa di Swedish Design Goes Milano 2016 e Business Sweden, agenzia governativa per lo sviluppo del commercio estero, in collaborazione con l’ambasciata svedese, Svensk Form, l’associazione svedese degli architetti e VisitSweden.

milano-swedenplays-2016_01

Lo spirito del progetto è insito nel nome che bene trasmette l’energia, la passione creativa e la socialità tipicamente svedesi e sintetizza, allo stesso tempo, l’essenza delle nuove collezioni presentate in anteprima al salone del mobile 2016. Sotto la regia dello studio Tengborn, infatti, il progetto mette in luce una straordinaria varietà di complementi d’arredo di matrice sperimentale: divani, poltrone, sedie, tappeti e soluzioni di illuminazione per spazi pubblici e per abitazioni private diventano qui fiore all’occhiello dell’estro svedese, giocoso e creativo che si contraddistingue nel panorama internazionale per qualità ed estro.

milano-swedenplays-2016_04 milano-swedenplays-2016_05

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati