Sì, sembra incredibile ma sono riuscita a fare un fermo immagine, una specie di fotografia dello stato di fatto di quella che, fra pochi mesi, sarà la nostra nuova casa. Per chi non avesse ancora scoperto la novità del 2017 la riassumo in brevissimo: abbiamo comprato casa!!

Ma non una casa qualunque, la casa dei nostri sogni.

Dopo la ricerca, la contrattazione, il rogito di acquisto e l’inizio dei lavori, eccoci ad un passo intermedio. Quel passo che costituisce lo spartiacque fra il cantiere che deve prendere forma ed il cantiere a metà dell’opera. Le demolizioni sembrano un capitolo lontano perché le costruzioni hanno preso corpo e anima all’interno dell’appartamento. Le macerie sono state rimosse e pare di nuovo possibile camminare senza temere di inciampare nelle casse colme di frammenti di muro.

Questo è quel momento capace di creare il panico: tante le cose da fare, tantissime quelle ancora da decidere, i pagamenti che iniziano a scalare il saldo del nostro conto corrente, l’ansia che l’impresa non finisca nei tempi prestabiliti, che qualche imprevisto faccia la sua comparsa quando meno ce l’aspettiamo, che qualche vicino di casa si lamenti più del dovuto…

Siamo proprio a metà fra quello che abbiamo trovato e quello che desideriamo trovare. Mi trovo a galleggiare in una specie di limbo dove ogni decisione sembra essere stata presa ma in realtà imprevisti e nuove scelte fanno la loro comparsa e movimentano letteralmente le giornate. L’impresa prosegue seguendo il suo crono programma, il nostro architetto Francesca segue passo passo ogni passaggio e noi finalmente possiamo dedicarci alla scelta di quello che costituirà l’arredo della casa. Infatti, anche se nella pratica il cantiere è ancora aperto e le finiture sono un capitolo ancora lontano, gli ordini devono essere fatti per tempo perché, dettaglio di vitale importanza, le consegne necessitano di almeno in 30-40 giorni per varcare la soglia casalinga. Incrociamo le dita!

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati