Febbraio, il mese delle grandi anteprime toscane. Un mese denso di impegni, di assaggi, di voci e di volti. Un mese passato col sedere appoggiato sul sedile della macchina pi霉 spesso e pi霉 a lungo del solito, ma con grande piacere. Un mese che ha visto alternarsi pioggia e neve, tanto freddo, cieli bigi e solo pochi scampoli di luce. Un mese di transizione febbraio, che traghetta dal gelido gennaio al, ci si augura, pi霉 mite marzo

 

001

Febbraio 猫 ormai finito, ed a chiudere simbolicamente il mese dedicato alle anteprima dei vini toscani ci ha pensato Terre di Toscana a Lido di Camaiore. Un evento giunto alla sua sesta edizione ed organizzato magistralmente da L’Acquabuona all鈥檌nterno dell鈥橴NA hotel della citt脿 versiliese. Anche il meteo sembrava sancire la chiusura di una fase di brutto tempo, presentando un cielo di un azzurro pennellato ed un sole abbagliante, di quelli che scaldano pi霉 a fondo della mera pelle. Un evento che ha dato la duplice possibilit脿 di provare i vini che alle anteprime erano sfuggiti e degustare anche qualche annata precedente per apprezzare l鈥檈voluzione del vino nel tempo

 

004

028

I territori regionali erano tutti rappresentati nelle due ampie sale dell鈥橴NA hotel: dall鈥檈stremo nord della Lunigiana, areale condiviso da Liguria e massese, al profondo sud del grossetano con i vini di Capalbio, al confine col Lazio. Un鈥檕ccasione unica per poter approfondire la conoscenza col meglio della produzione enoica toscana in un sol boccone. Proprio dalla Lunigiana arriva il Casteldelpiano 2009, dell鈥檕monima cantina di Licciana Nardi, a 10 km dall鈥橢milia ed altrettanti dalla Liguria. Un Merlot in purezza da viticoltura biologica in cui la presenza del legno si fa sentire (un anno di barrique), ma senza nascondere la piacevole morbidezza di un frutto nato in terreni freschi e mai riarsi

 

011

Ci si sposta in direzione sud est di qualche decina di km per raggiungere la zona del Mugello che connette la provincia di Firenze con quella di Bologna, nota a tutti per l鈥檃utodromo ed agli eno-appassionati per i buoni Pinot nero che vi vengono prodotti. Uno su tutti il MCDLXV Fortuni 2009 di Podere Fortuna, un Pinot nero di grandissima classe che strizza l鈥檕cchio alla Borgogna per complessit脿 ed impatto olfattivo. Si scende di parecchio lungo il confine che separa la Toscana prima dalle Marche e poi dall鈥橴mbria per arrivare alla stupenda cittadina di Cortona ed all鈥檃bbacinante Apice 2010 (anteprima assoluta) di Stefano Amerighi. Una Syrah biodinamica in cui l鈥檜so del legno 猫 stato accantonato per quest鈥檜ltima annata, a tutto vantaggio delle eccezionali note di frutta matura del vino, da applausi

 

Senza nome

020

 

Tagliando tutta la Toscana in direzione Ovest 鈥 Est si raggiunge Piombino, protrusione della costa livornese che si allunga verso l鈥檌sola d鈥橢lba, e si trova il Podere San Luigi ed il suo fantastico Fidenzio 2006. Un taglio bordolese classico, Cabernet Sauvignon Cabernet Franc e Merlot, da uve cresciute guardando il mare su terreni con importante struttura scheletrica, di rara finezza e sapidit脿. Una delle pi霉 belle scoperte della giornata. Gi脿 che si 猫 a Piombino non ci si pu貌 esimere da una visita all鈥橢lba ed alla sua viticoltura eroica, rappresentata in questa occasione dall鈥檃zienda Acquabona di cui segnalo il Voltraio 2008, blend di Syrah e Merlot, esposizione a sud piena, grande maturit脿, concentrazione e morbidezza. Un vino da masticare

 

015

Cos矛 facendo si 猫 contornata idealmente la Toscana, resta da esplorarne il centro, culla del vitigno che da sempre ha reso famoso nel mondo il vino di questa regione: il Sangiovese. Ci sarebbero almeno una decina di produttori da nominare in questo paragrafo come fautori di grandissimi Sangiovese, toscani veraci di eccezionale carattere, ma lo spazio 猫 tiranno e mi limiter貌 a due soli nomi che vengono entrambi dal Chianti Classico: Caparsa e Montevertine. Il Caparsino 2009 猫 un Chianti Classico di struggente bellezza, giocato idealmente in sottrazione, un vino riservato, sottile, ma di eleganza infinita ed innata. Un vino di poche parole e tantissime emozioni che sembra la fotografia spiccicata del suo creatore, Paolo Cianferoni. Il Pergole Torte 猫 un’etichetta ormai mitologica figlia di solo Sangiovese di Radda in Chianti e l鈥檃nnata 2010 diventer脿 un vino stratosferico per coerenza, sostanza e finezza. Un vino oltre

 

Senza nome1

Un evento riuscitissimo che mi ha costretto a riempire il taccuino di cerchi e punti esclamativi, l鈥檜nico peccato 猫 dover attendere un anno per la prossima edizione

聽聽 013019023

Articolo scritto e redatto da Federico Malgarini | Tutti i diritti sono riservati