Ragazze… Rassegniamoci.  Per i prossimi due mesi sentiremo parlare di europei, calcio, squadre e olimpiadi. Poco altro.  E che facciamo allora? Conviene arrenderci e cogliere l’occasione per  invitare amici e amiche, piazzarsi davanti alla TV  e  smangiucchiare qualcosa di buono. Per la prossima partita vi propongo le palline di cocco, un dolcetto che si prepara in pochi minuti e con un budget di circa 5 euro

Attenzione agli effetti collaterali : amici per casa durante  tutte, ma proprio tutte, le successive partite. Scoperte le palline di cocco, vi chiederanno subito  le varianti possibili : quelle con scaglie di cioccolato o codette di zucchero colorato. . Quelle con cacao amaro e quelle a cui  non avete mai pensato… Che loro non faranno mai…Ma saranno bravissimi a suggerirvi!!!
Sarete felici ragazze, l’allegria per casa ripaga  ogni fatica

 

 

Ingredienti per 4/6 persone
Ricotta vaccina: 250 gr
Zucchero: 250 gr
Cocco disidratato in polvere (si trova comunemente nei supermercati): 250 gr

 

 

Preparazione

Impastate velocemente la ricotta, lo zucchero e 200 gr di cocco disidratato; versate il rimanente cocco  su un piatto piano.
Prendete delle piccole porzioni di impasto (circa mezzo cucchiaio di impasto), arrotolatelo con movimenti circolari sul palmo della mano e otterrete delle piccole palline. Completate facendole rotolare sul piatto piano, in modo che il cocco le rivesta completamente e perdano la superficie appiccicaticcia… Ora adagiatele su un unico piatto da portata, o dividetele  in 4/6 piattini da dolce e lasciatele in frigorifero per un paio d’ore. Sono  ottime da consumare anche il giorno dopo

Per le varianti: insieme al cocco, potete spolverare del cacao  oppure delle codette di zucchero colorato, o ancora delle cocce di cioccolato

Buona partita!

Articolo scritto e redatto da Mara Stragapede | Tutti i diritti sono riservati 

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati

1 risposta

  1. Barbara

    Devo ammettere che da quando ho letto la ricetta devo ancora trovare il tempo di gustarmele e – nonostante la massima espressione della mia cucina si evidenzi in piatti come le scaloppine o la pasta panna prosciutto e piselli – ho enormi speranze per questa ricetta. Sembra così facile! Per non parlare di invitante 😉