Immaginatevi un viaggio verso un luogo lontano, verso note intense, verso l’indimenticabile esperienza sensoriale. Immergetevi nell’ispirazione che nasce da un viaggio fra il Rajasthan e la città di Pondicherry, attraversando i giardini Mughal creati per rinfrescare i sensi e stimolare le menti, facendovi avvolgere dalle luci e dalle ombre, dalle note floreali e vegetali ed allo zenzero ovviamente. È già passato un decennio dalla creazione di Gingembre, la prima vera fragranza firmata Roger&Gallet che ha preso vita proprio in questi luoghi.

Ora però ecco che arriva una grande novità: Gingembre Rouge, che ci accompagna dove l’oceano indiano sale lungo la costa africana nella famosa isola delle spezie. All’epoca della sua scoperta infatti, specie selvatiche di ogni tipo prosperavano sull’isola e divennero fonte di grande commercio da parte di armatori, principi e avventurieri. Alcune portate dal vento e provenienti dalle isole Molucche, altre dalla Cina o dalla Persia, proliferate grazie al clima tropicale di un giardino equatoriale. Finiamo così, senza nemmeno accorgercene, a Zanzibar dove Gingembre Rouge prende vita, dove il cielo blu oltremare si fonde con la spiaggia rossa di laterite. Questa nuova fragranza firmata da Roger&Gallet (proposta al pubblico nel formato da 100 ml con un prezzo consigliato di euro 42) è un’acqua fresca profumata energizzante che rivela la freschezza e la sensualità dello zenzero in tutte le sue sfaccettature. L’estratto di zenzero si fonde con il mandarino fruttato e con una nota frizzante di melograno. Le note vibranti e giocose dei fiori di zenzero ed di litchi si combinano alla golosità dello zenzero caramellata per dare vita a una sensazione travolgente che viene imprigionata in un flacone firmato da M. Szekely che vuole racchiudere esteticamente tutti i colori di questo luogo incantato dove Gingembre Rouge prende forma

 

Gingembre Rouge  Roger&Gallet THEOLDNOW (2)

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati