Risottata

Nella splendida cittadina di Melegnano, dal 21 al 25 aprile si svolge la Fiera del Perdono, arrivata quest anno alla sua 448^ edizione!

 

 

Sono quindi 448 anni che questa festa viene celebrata con tutti gli onore e con grande spiegamento di pubblico! Una kermesse laica che scaturisce da un evento prettamente religioso, che celebra ogni anno la sacra ricorrenza dell’indulgenza plenaria concessa il 20 gennaio del 1563 dal Papa Pio IV attraverso l’emissione di un’apposita Bolla 

 

Confetti di ogni gusto
Le radici del Perdono intrecciano la storia la storia con la leggenda che parla della concessione della Bolla e dell’indulgenza come di un gesto di riconoscenza di Papa Pio IV Giovanni Angelo Medici nei confronti della cittadina sul Lambro, allora Marignano, divenuta nel 1532 marchesato del fratello Gian Giacomo Medici, noto come il Medeghino

Per generazioni si è tramandato che quando Giovanni Angelo era ancora cardinale sia passato da Melegnano, ma di fronte al rifiuto sdegnoso della cognata (vedova) ad accoglierlo nel Castello, sia stato costretto a rivolgersi all’ospitalità della casa parrocchiale di don Battista Pavesi, che lo trattò con i guanti, al pari del popolo melegnanese che tributò onori e solidarietà

 

 

Quando dunque divenne Papa, Giovanni Angelo, si ricordò del bene ricevuto quel giorno a Melegrano e il 20 gennaio del 1563 concesse alla città l’importante privilegio

 

 

Per onor di cronaca, bisogna però ricordare anche che Cesare Ameli affermò: “Alla base della concessione del Perdono di Melegnano non sta un’arruffata faccenda familiare, nè una storiella curiosa, ma il desiderio forte della Chiesa e del Papa che portò a termine il Concilio di Trento (1545 – 1563) di diffondere il senso della preghiera penitenziale e con essa stabilire un confronto tra la nostra vita quotidiana e il Vangelo. Per questo l’unico modo per capire il significato e la preziosità spirituale di questa indulgenza è quello di assistere all’esposizione della Bolla il giovedì santo di ogni anno”

 

 

 

 

Il mio consiglio è di andare a visitarla se siete in zona e vi siete incuriositi!!

Fra castello, bancherelle ed animali, troverete di sicuro qualcosa di davvero carino! Avete tempo oggi e domani, fino a sera!!!

 

Accampamento degli indiani
[le immagini che trovate in questo post sono state scattate personalmente da me tramite l’iphone3 usando l’app instagram: tutti i diritti sono riservati]
bloglovin

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati

1 risposta

  1. Laura

    @Jlo: thanks for add and for follow me!!! I visit your blog too!! 🙂