Come vi accennavo nell’articolo precedente, durante Slow Fish si possono imparare molte cose: sui nostri mari, sui pesci che lo popolano, ma ovviamente non si può non assaggiare i presidi presenti in fiera

Tutti rigorosamente ottenuti da pesci freschissimi e cucinati, o semplicemente preparati, in maniera creativa e rispettosa del vero gusto del pesce

Infine, una ventina di appuntamenti studiati ad hoc per l’evento: chef, esperti e pescatori si sono alternati per intrattenere i partecipanti in una degustazione guidata che rappresenta il modo più diretto per avvicinarsi al cibo divertendosi, analizzando i prodotti proposti sotto ogni punto di vista, dalla storia all’analisi sensoriale, dall’aspetto nutrizionale fino all’utilizzo in cucina: questo in poche parole i Laboratori del Gusto

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati

3 Risposte