Quando sentiamo le parole Made in Italy, pensiamo prima di tutto alla originalità, alla creatività e alla particolarità del nostre Paese.

Collistar ha pensato proprio a questo decidendo di chiamare la sua nuova collezione di make up Autunno/Inverno proprio Made in Italy. Un marchio di origine che è diventato un marchio di fabbrica di bellezza ed eleganza in tutto il mondo.

Collistar ha creato la nuova collezione volendo omaggiare l’Italia e alcune delle sue città gioiello: Firenze, Milano, Napoli e Roma. Attraverso i nomi dei loro quartieri più conosciuti, delle vie e delle piazze.

Collistar racconta il suo Made in Italy ispirandosi alle tendenze dei prossimi mesi, che prediligono soprattutto una naturalezza sofisticata. Tra finish luminosi e texture vellutate, puntando sui riflessi degli occhi e del volto e sull’effetto pittorico 100% opaco delle labbra.

Ma vediamo, tramite un ipotetico viaggio attraverso l’Italia, quali sono i prodotti della nuova linea di make up di Collistar.

Il nuovo illuminante Perla Pura dalla consistenza molto morbida è stato pensato sia per il viso sia per il corpo. Lo potete trovare in un’unica sfumatura eterea, e, una volta applicato, vi sembrerà di avere indossato una infusione di luce, poiché non rilascia alcun colore di fondo ma solo dei riflessi.

Può essere usato come punto luce sul viso, da prelevare direttamente con le oppure, utilizzando un pennello, come illuminante diffuso, da stendere su viso, corpo e décolleté.

Il correttore e primer occhi unisce due prodotti in uno, entrambi in morbida crema. Corregge, fissa e illumina per ottenere uno sguardo fresco e senza zone d’ombra. Il correttore è certamente facile da usare e rende meno evidenti le imperfezioni del contorno occhi, quali borse e occhiaie.

Il primer è caratterizzato da un film sottile e molto confortevole. Diventa indispensabile come base per fissare l’ombretto e dare luminosità al colore, e può essere applicato anche da solo, per rendere naturalmente luminoso lo sguardo. Tre le tonalità proposte e ispirate a Firenze: chiaro (Palazzo Pitti), medio (Lungarno), scuro (Santa Maria Novella).

È Milano a suggerire i nomi delle tre tonalità calde del finish mat e luminoso dell’ombretto effetto seta di Collistar. San Babila (cipria mat), Via Manzoni (cognac mat) e Piazza Duomo (marrone mat).

Inoltre troverete il nuovo ombretto effetto seta perla pura in un’unica tonalità champagne (Via Montenapoleone), luminosa e brillante.

È la volta di Roma e del rossetto art design che è proposto in tre inedite nuance ispirate alla capitale, rigorosamente opache: rosa antico mat (Piazza di Spagna), nudo mat (Via Veneto) e rosso nero mat (Trinità dei Monti). Una texture vellutata e dalla lunga tenuta, con una formula idratante e rigenerante.

Troviamo Napoli nella linea di smalti glitter caratterizzati da un applicatore sottilissimo che ricorda quello di un eye liner. Studiato proprio per rifinire l’unghia e impreziosirla con tocchi glitterati che assomigliano a una decorazione. Gli smalti Collistar sono declinati in due colorazioni: argento (Via Chiaia) e nero (Vomero).

Infine dobbiamo fare un’ultima capatina a Milano per conoscere le matite professionali per gli occhi, che permettono di delineare il contorno occhi con un tratto di colore intenso, pieno e durevole, come quello di un eyeliner. Queste matite occhi possono anche essere utilizzate come ombretto, usando l’apposito applicatore, perché morbidissime e perfettamente sfumabili.

Nella collezione Made In Italy sono presenti due colorazioni glitter e una metal: nero glitter (Navigli), grafite glitter (Brera), marrone metallico (Isola).

Articolo scritto e redatto da LAURA GUERRATO ǀ Tutti i diritti sono riservati

A proposito dell'autore

Milanese, anzi dell’hinterland, fin da piccola sogna di trasferirsi in Australia, ma ama troppo l’Italia per farlo davvero. Si accontenta di viaggiare ogni volta che ne ha l’occasione. Classicista dall’adolescenza, laureata in Spettacolo e Comunicazione, ama il cinema in tutte le sue forme e in particolare quello d’animazione, meglio se giapponese. Lavora per “Gli Inglesi”, scrive da quando ha imparato a farlo e non si fermerebbe mai

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata