La finale che non ti aspetti. Dopo il forfait iniziale di Rafa Nadal, ancora alle prese con i suoi guai fisici, il percorso per la finale del quarto slam stagionale, gli US Open, sembrava spianato per i favoriti Djokovic e Federer.

us-open-2014-logo-background

Questo leitmotiv 猫 stato confermato fino alle semifinali, per la gioia dei Bookmaker, che quotavano quasi al pari della posta i passaggi di turno del n.1 della Classifica ATP e della leggenda svizzera.

Sul rovente cemento dei campi newyorkesi, le due vere sorprese sono state il giapponese Kei Nishikori e il croato Marin Cilic.

I due talenti sono allenati da due eroi indimenticati in campo tennistico: da una parte l’americano di origine asiatica聽Micheal Chang e dall鈥檃ltra l鈥檌strionico Goran Ivanisevic.

Sicuramente i due coach, alla ribalta negli anni 鈥90, hanno saputo insegnare ai propri pupilli la tenacia che li accomunava.

Nishikori e Cliic, costantemente nel top 15 negli ultimi due anni, non hanno mai avuto acuti nei Tornei del Grande Slam, ma hanno saputo scalare le classifiche con numerosi piazzamenti ed exploit in tornei minori.

La svolta della carriera arriva nei momenti pi霉 inaspettati ed una semplice partita pu貌 cambiare il destino di un giocatore.

E鈥 il caso di Kei Nishikori che si ritrova sul campo Artur Ashe in un pomeriggio di inizio聽settembre a fronteggiare il re incontrastato del tennis contemporaneo, quel Novak Djokovic, talmente sicuro delle sue abilit脿, che appare sfrontato in ogni suo match.

In palio c鈥櫭 la finale degli US Open: un trampolino per la stella del Sol Levante, una consacrazione nell鈥橭limpo degli dei del Tennis per il serbo.

Parte forte il 鈥榮amurai鈥 ventiquatrenne, che conquista il primo set ma subisce subito la reazione di Djokovic, che fa suo il secondo parziale. In condizioni normali, la partita sarebbe stata una camminata trionfante di Djokovic. Nell鈥檃ria c鈥櫭 qualcosa di diverso, oltre un tasso di umidit脿 dell鈥88%. C鈥櫭 il vento del cambiamento che soffia direttamente dal monte Fuji a sospingere il giapponese di origine taiwanese. La corsa, il rovescio a due mani forte e costante ed un palleggio dal fondo perfetto, permettono a Nishikori di schiantare Djokovic col punteggio di聽6-1 1-6 7-5 6-3.

maxresdefault

E鈥 il primo asiatico ad approdare in una finale di uno Slam.

346375320

Dall鈥檃ltra parte del tabellone, Federer pregustava gi脿 la finale del torneo, nonostante avesse davanti una mina vagante come Marin Cilic, capace di esaltarsi sulle superfici veloci grazie al suo servizio (frutto degli insegnamenti del suo maestro Ivanisevic). La partita non ha storia ed il giocatore croato non trova ostacoli nel superare in tre set – 6-3 6-4 6-4 il parziale – un incredulo ed impotente Federer.

Cilic

Una finale tra outsider. La tipica partita in cui si ha tutto da perdere. Una finale di uno Slam non capita spesso, soprattutto contro un giocatore dello stesso livello e non uno dei mostri sacri.

Kei contro Marin, Chang contro Ivanisevic. Due culture a confronto.

Avremo la risposta luned矛 8 settembre, dalle ore 17 italiane. Non perdete l’occasione di assistere a questo spettacolo pi霉 unico che raro.

 

Credits: Google Images

Articolo scritto e redatto da Luca Gandini | Tutti i diritti sono riservati

A proposito dell'autore

Chi ha detto che stare dietro le quinte sia noioso? Redazione 猫 un piccolo mondo di penne e menti attive che coordinano, insieme a Laura, la programmazione per theoldnow.it Instancabili e sempre ricchi di spunti noi di Redazione ci occupiamo di comunicati stampa, flash news, aggiornamenti e coordinamento degli autori! Vi sembra poco?

Post correlati