Ma dove vai se la mensola non ce l’hai?

Avevano iniziato a fare la loro comparsa nei garage, nelle cantine e nei box. Servivano solo ed unicamente per disporre in ordine strumenti ed accessori. Ma poi qualcosa è successo e si sono assottigliate, tinte dei colori neutri delle nostre case e divenute elementi di design. A cosa mi riferisco? Parlo ovviamente delle mensole. Elementi di decoro da interni ormai riconosciute in tutto il mondo. Qualsiasi sia lo stile della vostra casa loro ci saranno e non reggeranno cassette degli attrezzi o trapani per il bricolage ma cornici e elementi di design.

Come siamo arrivati a questa rivoluzione a dir la verità non lo so però confesso di essermi lasciata catturare da questa tendenza e aver comprato ed installato mensole un po’ ovunque. In camera sopra il letto matrimoniale sono un must in fatto di arredo: reggono cornici che sono appoggiate con leggerezza ed eleganza e lasciano la parete priva di chiodi. In camera delle bambine sono perfette come piccole librerie e porta oggetti come lampade divertenti e oggettistica varia. In soggiorno sono ideali al posto delle credenze vecchio stile: calici da vino e servizi di piatti preziosi diventano cosi protagonisti e abbandonano il buio delle ante degli armadi di una volta. In sala prendono il sopravvento sulle librerie con ante e cassetti. Nello studio divengono compagni preziosi di archiviazione di documenti, foto e post-it atti a ricordare le lunghe liste di to do. Tutto viene posizionato alla luce del sole, pronto per essere utilizzato o consultato. L’arredo degli interni trova così un nuovo alleato pronto a rendere ordinati e personali anche gli angoli più dimenticati della casa, bagni e corridoi compresi.

 

mensole12.14

mensole09.49

Schermata 2017-12-18 alle 11.54.11

mensole09.00

mensole10.02

mensole11.32

mensole11.55

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati