Scene di vita quotidiana per una mamma di gemelli.

Me lo chiedete spesso come è, come mi organizzo, quali sono gioie&difficoltà. È difficile spiegare come sia cambiata profondamente la mia vita dopo la loro nascita. Sono più completa e matura, organizzata e previdente, stanca e assonnata. Sono piena di energie e sonno arretrato. Ci sono loro che riempiono ogni attimo di vita e hanno rimesso ordine nelle mie priorità, mi hanno regalato un nuovo capitolo della mia vita e hanno donato gioia vera alla mia esistenza

Ci sono le difficoltà che, per fortuna, non affronto mai da sola grazie al loro papà, ma ci sono.

Organizzazione, organizzazione e organizzazione.

Quasi niente nelle nostre giornate è lasciato al caso, nemmeno in vacanza. Calibriamo tempi e modi, abitudini e imprevisti. Non abbiamo tabelle di marcia in stile militate ma cerchiamo di applicare poche e chiare regole, di mangiare tutto insieme, di scandire i momenti di gioco, nanna e apprendimento.

Sopratutto cerchiamo sempre di mantenere una routine, una distinzione dei ruoli – nostri e loro – e dei momenti che siano sempre e solo nostri.

Dirvi che è faticoso è riduttivo.

Perché non è solo una stanchezza fisica e mentale ma è anche difficile riuscire a calibrare sempre il nostro modo di stare con loro per fare si che, nonostante i loro caratteri siano completamente opposti, percepiscano il nostro amore per loro e le nostre attenzioni in maniera equilibrata e costante. Che siano felici e serene contemporaneamente ed in maniera completa. Fare sentire a ciascuna di loro quanto è speciale per noi, in maniera unica.

Questa è la parte più difficile per chi ha gemelli. Che hanno le stesse necessità negli stessi momenti. Che hanno esigenze diverse negli stessi momenti. Che sono diversi per tutto tranne che per l’età che li rende così affini da sembrare identici.

E calibrare tutto è complesso.

Molto complesso. Ma straordinario

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati