Viaggio spesso. Viaggio come prima ragione di vita, come aria da respirare a pieni polmoni, come linfa vitale, come adrenalina da centellinare nella quotidianità una volta ritornata a casa. Viaggio e non me ne stanco. Viaggio e sento la realtà delle cose arrivare a me in modo diverso. Viaggio ma mai da sola, ci sono tre cose che porto sempre con me. Il passaporto, un bracciale ed uno zaino che, da maggio, è diventato il mio instancabile compagno di avventure.

 

Melbourne THEOLDNOW (107)

 

E’ uno zaino da uomo. Di quelli di pelle che non subisce le stagioni, l’utilizzo, le intemperie. Quello che si è seduto vicino a me in aeroporto a Doha quando aspettavo il cambio volo per l’Australia. Che ha visitato con me la Yarrah Valley, Philip Island e Melbourne

Quello che ha custodito reflex e cartina geografica per i boschi tedeschi. Quello che è stato sbatacchiato in treno ed in auto lungo i percorsi più impervi, su e giù dalle montagne in estate, su e giù dalle cabinovie in inverno. Quello che mi fa sentire che un pezzo di famiglia la porto sulle spalle, quello che ha generato la gelosia di papà che ne voleva uno per sé. Quello che ha dormito con me curiosando mezza Europa e che è ancora perfetto come quando l’ho estratto dalla confezione regalo. Quello che si è visto abbinare a parka invernali come a giacche corte in pelle color pastello in primavera. Quello che comunque lo metti sta bene. Comunque lo riempi sta bene. Qualunque cosa tu voglia portare con te ci sta dentro.

E’ firmato Zanellato e la qualità non è un dettaglio da poco; ha la pelle perfettamente trattata: compatta ma morbida, che sa di cose che durano nel tempo, che non ti stancano ma ti accompagnano. Che puoi pensare di poterci contare sempre. Sul serio. Che quando fai la valigia è in cima alla lista, senza se e senza ma.

Ecco, senza di lui non parto più.

 

 

 D63A0934_DxO

D63A0949_DxO

D63A1024_DxO

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati