Il Paese delle Meraviglie, luogo magico ed incantato tanto caro ad una certa bionda Alice, si trova a Milano. È così che vogliamo descrivervi L’Arabesque, un cult store in Largo Augusto, un ristorante, un caffè, un negozio d’abbigliamento, uno showroom di design, una libreria.

Entrare a L’Arabesque è fare un percorso sensoriale che tocca apici diversi, che stimola punti del cuore e della mente e degli occhi e del palato. Uno scrigno di tesori che ospita collezioni di abiti sartoriali, arredi vintage e libri introvabili. Volete fare questo viaggio con noi?

Iniziamo con le collezioni donna disegnate da Chichi Meroni ed inesorabilmente ispirate al passato, a quegli anni meravigliosi tra i ’20 e i ’60 che si ritrovano un po’ ovunque all’interno del cult store. Colori, tessuti e forme sono un continuo richiamo ad epoche di grande raffinatezza ed eleganza. Un’eleganza che contraddistingue anche la collezione uomo, che però è di stampo molto british. Calzature e accessori per lui e per lei completano un guardaroba ricco di classe. Non manca un angolo dedicato ai bijoux d’epoca sempre selezionati da Chichi Meroni tra le meraviglie create dai maestri bijoutier del Novecento. Se queste creazioni sono ispirate agli anni dai ’20 ai ’60, all’interno dell’Arabesque si trovano anche pezzi vintage originali, pronti per essere indossati e per raccontare una storia che parla di eleganza senza età. Gonne a ruota, bangle super colorati, borse gioiello: tutti capi ed accessori che non passano mai di moda.

Vintage gli abiti e vintage il design: L’Arabesque vanta una galleria di arredi e mobili di design italiano ed internazionale tutti risalenti agli anni ’50 e ’60. tavoli, lampade, divani e librerie arredano anche l’appartamento sito al secondo piano dello store, completamente allestito in pure stile fifties: perfetto per uno shooting d’eccezione.

Abiti e arredamento non completano per il quadro di questo Paese delle Meraviglie: L’Arabesque è infatti anche un caffè, un ristorante, un luogo in cui riposarsi gustando piatti deliziosi che riprendono, rivisitandole, le ricette tipiche della tradizione milanese. Da febbraio si può usufruire anche di un nuovo spazio, l’ILE de L’Arabesque: una zona privata all’interno del ristorante ispirata al Sol Levante che conta solo 18, ambitissimi, posti. A coronamento di questo luogo magico, in pieno stile Alice del Paese delle Meraviglie, non poteva mancare un angolo salotto con libreria in cui trovare testi recentissimi o dimenticati, romanzi o saggi sui giardini.

Un luogo fuori dal tempo di cui innamorarsi un abito, un lampadario, un piatto, un libro alla volta.

L'Arabesque designgallery_ 2

L'Arabesque men's_ 2

L'Arabesque designgallery_ 1

L'Arabesque men's_ 1

L'Arabesque women's_1

L'Arabesque women's_2

L'Arabesque - Bar

L'Arabesque Bookstore

L'Arabesque Café 2

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati