Stanchi di collezioni sobrie e romantiche? Perfetto, la nuova collezione primavera estate 2016 firmata da Simon Holloway porta un’atmosfera audace in uno scenario glamour post punk con richiami rock’n’roll per il brand Hogan.

È stata presentata ieri la nuova collezione Hogan dove la cartella colori si tinge di argento, bianco, nero, giallo, rosso e rosa per distribuirsi su capi spalla, miniabiti avvolti da fasce, trench in pelle lucida e stampe ispirate a sprouse. Il tutto è stato reso ancora più unico dalle audaci fotografie di Debbie Harry realizzate da Chris Stein negli anni 80. A completare la collezione femminile primavera estate 2016 Hogan troviamo poi micro blazer in stile punk e succinti completi tre pezzi che rivisitano l’eleganza sartoriale ispirata a Bianca Jagger.

Due le grandi novità di questa collezione, entrambe focalizzate sulle sneakers. La prima riguarda il modello iconico di Hogan: Interactive, che si veste per l’occasione di una versione in edizione limitata realizzata in preziose varianti disco con glitter e pellami metallizzati: Club. Si aggiunge poi un’edizione in bianco argento lucido con scintillanti tag personalizzati Sport-Cultre. La seconda grande novità riguarda la H222, sneakers distintiva del brand, proposta in colori vivaci e stampe pop. I sandali fanno la loro comparsa in svariate varianti: con tacco zeppa alla Bianca Jagger reinterpretati conforme colori decisi, gioiello ispirati a sneakers ed infine caratterizzati dalla targhetta personalizzabile utilizzata da Bianca nei backstage dei Rolling Stone.

A chiudere la collezione troviamo i disegni di Julie Verhoeven stampati su sneakers, borse, camice, felpe abiti. Le borse in pelle e vernice dai tagli definiti rendono la collezione glamour e contemporanea

HOGAN_SS16W_003

HOGAN_SS16W_006

HOGAN_SS16W_008

HOGAN_SS16W_012

HOGAN_SS16W_016

HOGAN_SS16W_019

HOGAN_SS16W_022

HOGAN_SS16W_023

HOGAN_SS16W_025

HOGAN_SS16W_026

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati