Si parla di bellezza e di benessere ma molto spesso ci dimentichiamo dei fondamenti, della vera propria base: il sapone. Sì, questo elemento così essenziale nelle nostre beauty routine a volte risulta addirittura assente. Prese come siamo dalla voglia di sperimentare nuovi prodotti ci perdiamo l’origine primaria della detenzione ma, oggi, voglio parlarvi non solo di questa fase di bellezza fondamentale per la nostra pelle, e di un marchio polacco scoperto da poco. Sotto il nome di YOPE si cela un brand produttore di prodotti per l’igiene personale e la cura della casa. I prodotti di questo marchio si distinguono per due caratteristiche fondamentali: formulazioni naturali (ricette con oltre 90% di ingredienti naturali, senza parabeni, SLS, SLES e siliconi) e fragranze piacevoli e durevoli.

Yope-3

Yope-2

I cosmetici YOPE sono realizzati esclusivamente con estratti naturali vegetali al 100% ingredienti delicati che non danneggiano la pelle. Le linee di prodotto sono due: i fluidi per mani e corpo ed i saponi liquidi per le mani di cui mi sono letteralmente innamorata.

I fluidi per il corpo sono caratterizzati da una texture leggera E comprendono il fluido rigenerante all’estratto di fico, il fluido idratante all’estratto di vaniglia e cannella e il fluido lenitivo all’estratto di verbena. I saponi liquidi, Invece, contengono un’elevata percentuale di glicerina vegetale contenuta nei prodotti che contraddistinguono le tre profumazioni: figo, vaniglia cannella e verbena. Questi saponi permettono di mantenere la pelle liscia, morbida e trattata lungo e contengono inoltre la vitamina B5 e l’allantoina, in grado di lenire le irritazioni e accelerare il processo di rigenerazione della cute. Da provare assolutamente!!

Yope-1

Yope-4

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati