Ormai l’attenzione per la nostra salute psicofisica riguarda sempre più aspetti della nostra vita, dal cibo all’attività sportiva, e allora allora perché non dovrebbe riguardare anche i prodotti che usiamo per pulire la nostra casa? Tree, il nuovo brand per la Home Beauty, offre una gamma di prodotti per la cura e la pulizia della casa che uniscono funzionalità e innovazione, ma allo stesso tempo sono salutari, perché realizzati con ingredienti naturali, in particolare con piante officinali sfruttando così le loro proprietà curative.

Unire la pulizia della casa e la riscoperta dell’utilizzo di erbe e piante officinali è un fattore fondamentale che ha portato William Trevisan, fondatore di Tree, a creare il brand. Fin dall’antichità, infatti, la casa era considerata un luogo attorno al quale ruotava la vita quotidiana, da Oriente a Occidente e, proprio per questo, la cura, la pulizia e la bellezza ricoprivano un ruolo primario anche attraverso l’utilizzo delle erbe officinali, quale fonte di espressione e gratitudine per la generosità della terra. Per molto tempo però questa tradizione è passata in secondo piano, ma Tree ha voluto riscoprire questa filosofia e renderla contemporanea.

I prodotti Tree non contengono VOC, alcool e coloranti. Ogni materia prima proviene da agricoltura biologica ed è ricercata e selezionata attraverso produttori locali in tutto il territorio italiano. Il Superconcentrato è il primo prodotto della linea ed è adatto per tre usi diversi: bucato, pulizia dei pavimenti e delle superfici. Il Multiuso Superfici ideale per vetri e specchi, lo Sbianca Smacchia che ravviva i bianchi e igienizza il bucato, il Piatti Agrumi che sgrassa i piatti e le stoviglie al profumo di agrumi di Sicilia e l’Igienizzante Bagno che rimuove il calcare e pulisce i sanitari lasciando un gradevole profumo di menta piperita.

E le materie prime arrivano davvero da tutta Italia, perché l’aloe vera e la salvia provengono dalla costa meridionale del Cilento, il pompelmo, l’arancia e il limone dalla piana di Catania. La menta piperita invece arriva dalla pianura che circonda il borgo di Pancalieri, il rosmarino dall’area collinare di Montevecchia e la lavanda dalle colline del Monferrato. Il tiglio, la valeriana e il timo infine provengono dalle Dolomiti Carniche nella valle di Sauris, la calendula dalla Val Venosa e l’amamelide dalle Alpi.

A proposito dell'autore

Milanese, anzi dell’hinterland, fin da piccola sogna di trasferirsi in Australia, ma ama troppo l’Italia per farlo davvero. Si accontenta di viaggiare ogni volta che ne ha l’occasione. Classicista dall’adolescenza, laureata in Spettacolo e Comunicazione, ama il cinema in tutte le sue forme e in particolare quello d’animazione, meglio se giapponese. Lavora per “Gli Inglesi”, scrive da quando ha imparato a farlo e non si fermerebbe mai

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata