Chiudere gli occhi e sentire il tessuto che si muove. Percepire, fra il brusio delle voci sedute ai bordi della passerella, i capi ultra leggeri che danzano uno dietro l’altro. Il connubio fra Italia e Cina prende forma e diventa realtà nella magica atmosfera del Palazzo Reale in un sabato sera che profuma di favola e che solo la sfilata Uma Wang poteva rendere ancora più perfetto

 

UMA WANG_40

 

Il fruscio della carta in movimento diviene protagonista, varca la passerella e catalizza l’attenzione degli occhi che non riescono più a percepire gli affreschi intorno perché troppo distratti dalle uscite che si susseguono in un susseguirsi di consensi e sorrisi. Terre lontane e tempi leggendari si fondono fra loro, dando vita a tinte intense, reminiscenze di dipinti di Giotto e trame di tessuti che rivelano la complessità dei cancelli scolpiti da Ghiberti.

Uma Wang prosegue il suo favoloso lavoro tessendo meticolosamente una tela esotica di spensierata e nomade nobiltà che non appartiene a nessun luogo e a nessun tempo, ma è di tutti i luoghi e di tutti i tempi. La collezione autunno inverno 2014 diviene così occasione per godere dal vivo della sua maestria e del suo sapore orientale

 

UMA WANG_2

UMA WANG_4

UMA WANG_17

UMA WANG_23

UMA WANG_35

UMA WANG_38

Immagini Courtesy of UMA WANG | Tutti i diritti sono riservati

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati