Ciuffi verdi dappertutto. I germogli di grano spuntavano ritti da piattini ed erano adornati con fiocchi e nastri rossi. A Baku, capitale dell’Azerbaijan, sul finire dell’inverno questi manufatti vengono posati per strada, negli uffici, nelle case, sui terrazzi, persino in metropolitana. A marzo, i fioristi nei loro negozi ne avevano interi tappeti. In attesa del giorno dell’equinozio. Perch茅 queste decorazioni vegetali, chiamate dagli azeri Semeni, sono simbolo della festa di Novruz, il capodanno persiano. La ricorrenza ha origini zoroastriane e nell’antica Persia veniva festeggiata gi脿 nel VI secolo a.C., durante la dinastia degli Achemenidi. Oggi 猫 ancora molto amata in Iran, dove rappresenta l’inizio dell’anno secondo il calendario ufficiale del Paese, il Shamsi Hijri. Le celebrazioni vengono organizzate anche in molti stati dell’Asia centrale, come il Turkmenistan e l’Afghanistan. In Azerbaijan, le famiglie iniziano a prepararsi quattro settimane prima rispetto alla data ufficiale della festa. Tutti i marted矛 notte lungo le strade vengono accesi fal貌, usati per un rituale di buon auspicio: 猫 infatti tradizione saltare oltre il fuoco esprimendo desideri di felicit脿 per il futuro. Cibo tipico della festa sono dolcetti di frutta secca, in particolare gli 艧蓹k蓹rbura. Si tratta di pasticcini ripieni di mandorle, noci e nocciole, impastate con lo zucchero. Vengono mangiati anche i pakhlava, elaborate sfoglie che si possono trovare anche in Italia. I bambini in quelle giornate fanno un gioco simile all’occidentale 鈥trick or treat鈥 di Halloween. Lasciano un cappello davanti alla porta di un’abitazione e bussano, poi scappano via per non essere visti. I residenti depositano dolci e soldi nel cappello, i bambini poi lo ritireranno si divideranno i doni. Data la rilevanza nazionale della festa, non mancano le celebrazioni pubbliche. La sera del 20 marzo sul Bulvar di Baku, la passeggiata che costeggia il Mar Caspio e che 猫 zona di shopping e divertimenti, 猫 stato organizzato uno spettacolo pirotecnico. Figuranti in abito tradizionale hanno ballato attorno a enormi Semeni e posato per le foto con i visitatori. Numerose le bancarelle di delizioso cibo tipico, come la carne condita con il Sumac, una spezia violacea che ne rende pi霉 fresco il sapore. Da tutto l’Azerbaijan artisti e artigiani sono arrivati nella capitale per mostrare le loro abilit脿. C’erano anziani che intrecciavano ceste di vimini, scuole di danza e di canto, una famiglia che commercia tappeti e che per giorni ha lottato contro il forte vento che voleva portarsi via la merce in esposizione. All’inaugurazione hanno partecipato le autorit脿 locali, i figuranti hanno camminato in corteo lungo il Bulvar e la vicina, enorme strada, Neftchilar Prospektiv. Il tutto sotto gli occhi dei numerosi turisti azeri che hanno approfittato del periodo di festa per visitare Baku e i suoi tesori, come la citt脿 vecchia Icheri Sheher. Traendone soddisfazioni, perch茅 gli azeri sono un popolo ospitale e cordiale. Se visitate Baku durante il Novruz 猫 possibile vi invitino a saltare oltre il loro fal貌 o a mangiare le delizie tipiche, spiegandovi fieramente la storia delle loro tradizioni.

laparolaa

laparolaa

laparolaa

 

聽ndr.

Nicoletta Pisanu 猫 nata nel 1988 ed 猫 giornalista freelance. Scrive per Il Giorno e altre testate, si occupa di cronaca locale e reportage. Partecipa al neonato travel blog collettivo聽Baraccando.

 

Foto credits courtesy of Francesco Bruciamonti聽| Tutti i diritti sono riservati

A proposito dell'autore

Chi ha detto che stare dietro le quinte sia noioso? Redazione 猫 un piccolo mondo di penne e menti attive che coordinano, insieme a Laura, la programmazione per theoldnow.it Instancabili e sempre ricchi di spunti noi di Redazione ci occupiamo di comunicati stampa, flash news, aggiornamenti e coordinamento degli autori! Vi sembra poco?

Post correlati