Amanti della buona pasta a me.

In via Pompeo Litta 6, a Milano, ha aperto i battenti un nuovo locale fresco e giovane, che ha fato del nostro piatto simbolo della tradizione italica nel mondo il suo cavallo di battaglia.

Il menù è di una semplicità stravolgente ma allo stesso tempo riesce a mettere d’accordo tutti, pasta addicted ovviamente

pastamilano0

pastamilano1

pastamilano2

 

Grano duro (spaghetti, pacchetti e rigatoni), integrale (spaghetti, pacchetti e caserecce), farina di mais e riso (orecchiette e tagliatelle): queste le tre opzioni di pasta pensate e prodotte direttamente qui con tanto di postazione a vista dalla sala. La pasta, cuore pulsante del progetto gastronomico di MiScusi è prodotta quotidianamente (non prendetevela quindi se un tipo di pasta non è disponibile quel giorno).

Il piatto viene rigorosamente composto dal commensale: si sceglie la pasta, la base, il formaggio e l’extra. Se siete indecisi cronici ci sono tre proposte prefatte (1.Pomodoro burrata crema di pistacchi e pistacchi, 2.pesto di noci ricotta di pecora e pinoli 3. pesto genovese crema di bufala pesto mediterraneo e mandorle).

Se amate la classicità senza fronzoli e sbavature c’è anche quella declinata in gricia, cacio e pepe, carbonara, verdure spallate di stagione, ragù bolognese, bottarga di muggine, pansotti, ravioli e tortelli.

A completare l’offerta acqua (sempre inclusa nel prezzo), birra e calici di vino, due proposte di liquore e 3 classici dolci. MiScusi nasce con un concept dinamico e fresco, dove chi vuole mangiare bene può scegliere sia piatti della tradizione sia comporsi una proposta diversa e tagliata su misura seguendo il proprio gusto. La pasta aggiunge così un nuovo luogo del cuore, da provare a pranzo o cena, a Milano.

 

pastamilano3

pastamilano5

pastamilano6

pastamilano7

pastamilano8

pastamilano10

pastamilano11

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati