Con l’uscita di Wonderlust Sublime, Michael Kors corona con una nuova tappa sensoriale il percorso “vagabondo” già avviato da Wonderlust Parfum, Eau Fresh e Sensual Essence, proponendoci una nuova meta e scenario olfattivo in cui lasciarci trasportare e agire.

Se già il precedente Eau de Parfum della stessa linea sembrava non potersi superare per dolcezza ed esotismo -attraverso il dispiegarsi delle sue note orientali e gourmand- quest’ultimo parrebbe la naturale evoluzione del primo verso un’esperienza sensoriale più adulta e compiuta nel segno della libertà che Wonderlust rivendica, ma più risoluta e ricca.

Nel segno di questa ricchezza e preziosità è costituita coerentemente la composizione della piramide olfattiva di questo profumo: nelle note di testa -quelle che avvertiamo nei primi secondi di vaporizzazione- troviamo il fiore d’arancio, il mandarino siciliano e il pepe rosa; nelle note di cuore -il corpo del profumo- garofano, fiori di tiarè di Tahiti e gelsomino grandflorum.

Nelle note di fondo -quelle che rimangono più spesso intrise nei capi d’abbigliamento- apprezziamo la dolcezza dell’ambra, il legno di sandalo dello Sri Lanka e quello di Cashmeran e infine la golosissima fava tonka.

Questi gli ingredienti della Sublime essenza di Kors che vuole trasportarci in un’era aurea paradisiaca, in cui il sole è il potente sovrano della scena, fiammeggiante nel suo sensuale bagliore appena prima del tramonto. Un invito ad annullarsi nel suo lussureggiante splendore aprendosi all’attimo, al sentore olfattivo dei luminosi fiori d’arancio che avvolgono la fragranza in un momento d’oro.

Disponibile già dal mese di Agosto 2019 in tutte le boutique Michael Kors, profumerie Douglas, Limoni e Gardenia nei formati da 30 ml, 50 ml e 100 ml in un packaging color bronzo che lo distinguerà dalla precedente versione EDP .

Articolo scritto e redatto da OLGA IANNACCIO | tutti i diritti sono riservati

Photo credits courtesy of Michael Kors | Tutti i diritti sono riservati

A proposito dell'autore

Portatrice sana di ossimori, la mia professionalità si è destreggiata in ambiti differenti. Mi ha sempre appassionato giocare con le parole associate ad immagini, ho una predisposizione naturale al copywriting, ma senza dono della sintesi. Appassionata di scienza e medicina con laurea in lettere. “Donna del dubbio” sin dalle elementari, alterno a questo aspetto riflessivo e indeciso una dissonante indole avventuriera e passionale. Osservatrice profonda e attenta del mondo; persona trasparente come l'acqua che preferisco zuccherata per la bagna dei dolci al pan di spagna, i miei preferiti insieme alle crostate di ricotta che preparo con ottimi risultati. Pratico arti performative; spesso smemorata; un vulcano con protezione solare 50+.

Post correlati