Descrivere Santa Monica è decisamente un’impresa complessa. Prima di tutto ci troviamo in California, affacciati sull’oceano infinito e sterminato, che rappresenta l’icona per eccellenza di questo Stato Americano così distante da noi. La California, nell’immaginario comune, è un luogo di star hollywoodiane, spiagge infinite, ambientazione perfetta per serie televisive e film. Posso confermare che è assolutamente tutto questo, ma anche molto, molto di più. La città, incredibile da credere, si può girare a piedi. Il giorno che ho dedicato alla scoperta di Santa Monica era una mattina di novembre e, mentre a Milano iniziava il freddo vero, quel che ti penetra nelle ossa e ti fa desiderare di arrivare a destinazione nel più breve tempo possibile, qui la temperatura strizzava l’occhio a quella estiva, facendomi rimpiangere di non aver indossato una gonna leggera al posto dei jeans. A novembre infatti, nonostante le numerose escursioni termiche che caratterizzano questa zona, la temperatura diurna è davvero significativa, tanto che non è raro vedere persone che fanno il bagno, o perlomeno, come me, pucciano i piedi nell’acqua fredda dell’oceano

 

 

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

 

Il mio giro è iniziato nella zona definita Santa Monica Pier, una specie di enorme parco giochi per turisti e curiosi, che si affaccia sul mare attraverso un pontile di notevoli dimensioni, a destra del quale si trova una spiaggia sterminata ed una passeggiata perfetta per qualunque tipo di movimento, passeggio, biciclette, corse. Alla sinistra, invece, si può vedere a perdita d’occhio tutta la costa, dove gli spazi qui sono talmente immensi e sconfinati che l’occhio umano fa fatica a vederne la fine. Sulla spiaggia poi si respira quell’aria fresca ed avvolgente che solo l’oceano riesce a trasmettere: non è solo ricca di sale ed iodio, come da noi, ma anche fresca, capace di liberare i pensieri e darti la sensazione che qui tutto sia realmente realizzabile. Vieni come pervaso da una sensazione adrenalinica, e più ti guardi intorno e più ti senti parte di un mondo nuovo, ricco di energia e determinazione. Sinceramente non mi era mai capitato di vivere questa sensazione, e me la sono portata addosso per i giorni seguenti, come se fossi mossa da una molla che non riuscivo a smettere di seguire

 

Santa Monica, con il suo affaccio sul mare, è anche un’ottima città per fare shopping, in quanto tutta la parte che sta a monte, raggiungibile a piedi attraverso un lungo ponte in salita, è disseminata di negozi, di qualunque tipo di qualunque genere: grandi catene low cost, mono brand fra i più famosi del mondo ma anche tantissimi negozietti, perfetti per souvenir e foto ricordo. Inoltre, tutta la zona a monte della città è zona pedonale, perfetta quindi per perdersi nelle sue strade distribuite a scacchiera.

Santa Monica dista da Los Angeles solo una ventina di minuti in taxi, per un importo di circa $ 30, e non posso che consigliarvela perché è uno di quei luoghi che ha la capacità di rimanere nel cuore delle persone, di trasmetterti quella voglia di vita che a volte ci perdiamo nella quotidianità. Per me Santa Monica è stato sicuramente uno dei luoghi più forti a livello di emozione di questo viaggio oltreoceano e spero di ritornarci, magari per goderla per qualche giorno in più, lasciandomi trascinare in quest’aria ricca di emozione

 

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

SAMSUNG CSC

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati