Negli anni della rivoluzione tecnologica, il rapporto con molti oggetti del quotidiano è cambiato. La sveglia viene spesso impostata sugli smartphones, la rubrica non è più scritta a mano e i conti si fanno con le app. Eppure, ancora oggi, uno ed un solo calendario è ancora sulla bocca di tutti – non a caso, conosciuto come THE CAL.

Pur dovendo aspettare dicembre per le immagini ufficiali, sono già disponibili i primi backstage del Calendario Pirelli 2020, quest’anno scattato dall’italiano Paolo Roversi.

Un po’ di storia

Dal 1964, 49 Calendari Pirelli sono stati scattati da 37 fotografi di fama internazionale, tra cui Annie Liebovitz, Peter Lindbergh, Tim Walker e Albert Watson solo nelle ultime quattro edizioni. Da oltre 50 anni infatti, The Cal continua a rappresentare la consacrazione per artisti e modelle, proponendo nuove interpretazioni della cultura contemporanea create dai fotografi più affermati del momento. Si può dunque solo essere orgogliosi della firma che porterà l’edizione 2020: quella del ravennate classe 1947 Paolo Roversi, primo italiano a scattare il Calendario.

Il tema 2020: Looking for Juliet

Le immagini di Roversi, in un linguaggio che fonde arte, moda e fotografia, sono sensuali, oniriche e perfette per interpretare il tema scelto per l’edizione 2020, che prende spunto dal dramma shakespiriano e dall’incontro tra amore, forza, gioventù e bellezza, rappresentato dalla sua protagonista femminile.

“Looking for Juliet” racconta del legame doppio tra passato e presente, che ritorna anche nelle cifre dell’anno che verrà, e della diversità, concetto chiave dell’intero progetto. La ricerca di Giulietta prende infatti le distanze dai canoni estetici predefiniti, puntando sulle particolarità e personalità delle donne protagoniste.

I volti del Calendario Pirelli 2020

Sono 9 le interpreti della moderna Giulietta, ognuna attraverso la propria emotività e la propria forma di arte. Attrici, tra cui le famosissime Emma Watson e Kristen Stewart, Claire Foy, interprete della Regina Elisabetta II in The Crown, e Mia Goth, Joe in Nymphomaniac di Lars Von Trier. Indya Moore, protagonista LGBT in Pose, e Yara Shahidi, giovanissima star nota per le sitcom Black-ish e Grown-ish. Presenti all’appello anche due cantanti, la cinese Chris Lee e la spagnola Rosalia, anche lei da poco apparsa sul grande schermo con Dolor Y Gloria di Pedro Almodovar. Ultima Giulietta, la stessa figlia di Roversi, Stella, modella italo-francese già protagonista di altri lavori del padre.

E mentre Roversi dice «Sto ancora cercando la mia Giulietta e la cercherò per tutta la mia vita. Perchè Giulietta è un sogno», noi attendiamo dicembre per sognare con i suoi scatti.

Credits Photo | Backstage Calendario Pirelli 2020 di Paolo Roversi, foto di Alessandro Scotti

Articolo scritto e redatto da Vanessa Faroni | Tutti i diritti sono riservati

A proposito dell'autore

Classe 1995, laureata in Moda e studentessa in Storia dell'arte. Le piace raccontare cose e mettere allegria alle persone. Scrive, legge e fotografa anche di notte (e ha un innato talento nel dormire fino a mezzogiorno).

Post correlati