Mazzotta Art Selection, Reda e Casmere & Silk hanno presentato settimana scorsa il progetto The Other Side of Russia. The Face and The Soul

L’opera è un’imponente “art object project” e rappresenta un’investigazione dettagliata della società Russa, delle sue protagoniste femminili e della “verità assoluta” di una comunità fortemente radicata nella tradizione matriarcale, espressa attraverso  differenti media, che si alterneranno nel tempo

Si comincia con i ritratti di 48 donne “testimonial” in un’installazione work in progress realizzata con la tecnica del disegno a matita e grafite su pannelli di pioppo per creare un monumentale “volto – collage” di 3×16 mt

L’artista chiamato ad eseguire questo grande ritratto collettivo è Omar Galliani, erede della tradizione artistica italiana, un Leonardo contemporaneo tra i pochi ad essere esposto e acquisito nella collezione degli Uffizi di Firenze e premiato alla prima Biennale di Pechino che vanta sino ad oggi il più alto numero di frequenze espositive di un artista straniero nel Celeste Impero

 

Un progetto innovativo tanto nei contenuti quanto nella realizzazione, perché trasgredisce i canoni classici nella maniera in cui è stato costruito ed è anche un work in progress, perché l’opera, assemblata a  Milano durante le sfilate di moda maschile (12-21 giungo) è sbarcata a Venezia nel settecentesco Palazzo Barbarigo Minotto, in occasione della 54° Biennale d’Arte, a partire dal 29 giugno, in un momento in cui la città diventa fulcro dell’arte contemporanea internazionale

Una volta rientrata in Russia, e dopo essere stata completata e mostrata in occasione della IV Biennale di Mosca la pala verrà smembrata e ciascuna donna ritratta si porterà a casa, in famiglia o in azienda, la propria opera, oltre al ricordo di questa esperienza unica. Entrando cosi nel mondo dell’arte

 

La realizzazione dell’idea concepita da Leonardo Rotatori, della Mazzotta Art Selection, è stata resa possibile grazie alla preziosa sinergia che da sempre unisce cultura e moda, coinvolgendo il supporto e la sensibilità artistica di due realtà quali Reda e Cashmere & Silk che hanno sostenuto il progetto in Italia permettendone la divulgazione

“Reda è da sempre un’azienda molto sensibile al fascino dell’arte e il legame che ci unisce a questo grande progetto è proprio frutto di questa grande passione – racconta l’A.D. Ercole Botto Poala -. Con questa grande, importante e innovativa esposizione ci auguriamo ancora una volta che il Made in Italy ritorni ad appropriarsi del proprio valore, non solo in Italia ma anche in Russia, perché concetti come bello, stile e gusto sono frutto di un’arte tutta Italiana che in questo caso si fonde ed unisce due culture diverse ma legate da un’antica tradizione di cui le donne ne sono le principali custodi”

Reda ribadisce così il suo essere portavoce dei valori Italiani per la tutela e per la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e ambientale nonché delle tradizioni locali, della ricerca e della promozione culturale

 

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati

1 risposta