Pensiamo di sapere tutto, di avere la verità in mano, di essere dei supereroi: invincibili ed onniscienti. Poi ci troviamo fra le mani il test di gravidanza positivo e il nostro cervello va letteralmente in pappa. Che sia una gravidanza programmata, cercata, capitata, desiderata o semplicemente accaduta, quelle due linee ben marcate non sono semplicemente un segno grafico, ma l’inizio di una serie di decisioni che vi porteranno a diventare persone diverse da quelle che fino a quel momento avete conosciuto.

Non voglio affrontare qui nessuna delle casistiche che porta all’interruzione, volontaria od involontaria che sia, ma voglio percorrere insieme a voi quello che succederà, per esperienza recentissima, a voi ed alle persone intorno a voi se quelle due linee si trasformeranno in un cuore che batte e che, dopo 40 settimane, più o meno, vedrà la luce ed i vostri occhi.

Intanto partiamo dal presupposto che se il test è positivo siete incinte. Non esistono infatti i falsi positivi ne gli errori di funzionamento del dispositivo. Potete recarvi in farmacia e comprarne altri e farne altri ma il risultato sarà sempre lo stesso. Il falso positivo, infatti, esiste solo nella casistica in cui il test è negativo perché potreste avere una gravidanza in corso ma l’ormone responsabile delle lineette potrebbe non essere presente in una concentrazione abbastanza alta da colorare il blister. Quindi, preso atto che il ritardo del ciclo non è una vostra visione mistica, né causato da fattori di stress o cambi di stagione, fissate subito una visita con la vostra dottoressa, o dottore, di fiducia che possa visitarvi ed illustrarvi tutto ciò che succederà nelle settimane a venire.

Senza addentrarci troppo quindi nel lato medico (che lascia a chi di competenza) vi anticipo che, da questo momento, inizierete a non disporre più in maniera autonoma del vostro corpo che si è trasformato, in modo a voi inconsapevole, nell’involucro più importante del mondo. Al momento del test, passate quindi ipoteticamente cinque/sei settimane dal concepimento, c’è di fatto un piccolo cuoricino che batte e 10 mm che si apprestano a diventare i 10 mm più importanti della vostra vita.

Siete già spaventate? No, in realtà non potete permettervelo perché da questo momento dovrete diventare coraggiose, intraprendenti ed organizzate. Durante la prima visita, se tutto ovviamente va bene, il dottore vi prescriverà due pagine di esami del sangue da fare e voi, come dei perfetti robot, andrete nell’ospedale più vicino a voi il giorno seguente. E questa diventerà una prassi che ripeterete mese dopo mese, visita dopo visita, porgendo gentilmente il braccio destro all’infermiera e lasciandole eseguire il suo lavoro cercando di non svenire ad ogni prelievo.

Parlavo di organizzazione. Diventerà una colonna portante delle vostre settimane ed il vostro calendario inizierà a colorarsi di nuovi appuntamenti: visite, prelievi, ecografie, morfologiche e controlli vari. Agli aperitivi (analcolici) con le amiche si andranno a sommare infatti tutti questi appuntamenti che fino a qualche settimana fa non pensavate potessero esistere. Potreste dover smettere di fare cose che fanno parte della vostra quotidianità come andare in bicicletta o in motorino, volare in aereo, gustarvi tartare di carne e vini pregiati, fumare, allenarvi in palestra ed andare a correre al parco insieme alla vostra migliore amica. Rinuncerete a dormire a pancia in giù, ai capelli estremamente lunghi, a tutti quei prodotti per il corpo che non sono adatti alla gravidanza e ad alcuni cibi per i quali provate dipendenze vere.

Se siete disperate già all’idea non preoccupatevi, dentro di voi si sta già formando una mamma e tutte queste rinunce vi sembreranno nulla in confronto alla gioia di sapere che dentro il vostro ventre batte un cuore tutto nuovo. Sì perché in questi nove mesi che vi aspettano a braccia aperte ci saranno un sacco di momenti bellissimi ma anche tanti momenti tristi, dolorosi ed inaspettati. Corpo e mente saranno monopolizzati dagli ormoni che decideranno la durata dei vostri sorrisi e dei vostri pianti. Diventerete ipersensibili e la mancanza di una piccola attenzione o di un complimento vi sembrerà un ostacolo insormontabile e la soglia della fine della vostra storia d’amore. Tutto sarà amplificato all’ennesima potenza: il bello ed il brutto. Ma in tutto questo, a darvi una mano, ci sarà la natura che vi aiuterà in due modi diversi.

Prima di tutto, mentre voi sarete intente a fare la manicure, a riposarvi, a lavorare, a sistemare la casa od a leggere un libro, la natura indirizzerà il vostro corpo nel processo di preparazione all’arrivo del nuovo nato. Il vostro corpo cambierà inevitabilmente sulla base delle esigenze che il vostro bimbo porterà con sé. Non è solo un discorso di pancia, è tutto l’insieme che si muoverà all’unisono per la creazione di questo nuovo corpicino che avrà bisogno di essere nutrito e protetto giorno dopo giorno per 40 settimane. Ed a nutrirlo e proteggerlo sarete voi, solo voi ed il vostro corpo.

Ma la natura non mette mano soltanto alle vostre forme fisiche e non le sarete grate solo per quelle due taglia di reggiseno che vi troverete in più. L’istinto infatti vi aiuterà in tutto quel processo psicologico che accompagna lo sviluppo fisico. Vi sentirete speciali, uniche nel vostro ruolo di creatrici di vita. Ci saranno dei momenti in cui amerete la vostra pancia, l’effetto che fa su di voi e sulle persone che vi stanno intorno. Vi sentirete appagate dei movimenti che il vostro bimbo farà dentro di voi e che vi arriveranno dritti al cuore. Passerete le vostre mani sulla pancia milioni di volte con la sensazione di accarezzare la testa di questa nuova vita. È l’istinto, la natura vera che si impossesserà di voi e, anche se l’istinto materno non farà la sua comparsa immediatamente, state tranquille perché ogni donna è un mondo a sé e ogni mamma nasce in un momento diverso: c’è chi lo è da subito, chi lo diventa strada facendo e chi si trasforma in mamma nel momento in cui il bimbo vede la luce. Non preoccupatevi quindi ma seguite questo consiglio: godete di ogni giorno di queste 40 settimane che vi porteranno a trasformare la vostra vita in maniera completa perché saranno 40 settimane di vita pura, dentro di voi ed è un miracolo così grande che non potete rischiare di perderne nemmeno un pezzettino.

tumblr_nta8va24d41u38l26o1_1280

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati