Il mio paese è sommerso di acqua e fango, la casa dei miei genitori è rimasta senza corrente per quasi 24 ore, la  pioggia continua a scendere.. Mi si stringe il cuore mentre guardo i video che ritraggono l’acqua come padrona di tutto
E così ho deciso di modificare il post per oggi dedicandolo alla mia adorata terra ligure


Alcune settimane fa, in giro per Genova, ho avuto l’occasione di fare un po’ di scatti ad uno dei monumenti più imponenti ed importanti della città: Porta Soprana (da Superana) che era un tempo la principale porta d’accesso alla città


È una delle principali architetture medioevali in pietra del capoluogo ligure ed è situata sulla sommità del Piano di Sant’Andrea, a breve distanza dal quartiere storico di Ravecca, l’antico oppidum cittadino

 
 

Nell’arco di attraversamento della porta – costituita da due alte torri e da un’ampia volta – è incisa una inscrizione nella quale il varco stesso si fa interprete, attraverso le seguenti parole, delle intenzioni della città:


(LA)


« †; In nomine omnipotentis Dei, Patris et Filii et Spiritus Sancti. Amen.
Sum munita viris, muris circumdata miris


et virtute mea pello procul hostica tela.


Si pacem portas licet has tibi tangere portas,


si bellum queres tristis victusque recedes.


Auster et Occasus, Septemptrio novit et Ortus


quantos bellorum superavi Ianua motus.
In consulatu comunis Wilielmi Porci, Oberti Cancellarii, Iohannis Malaucelli et Wilielmi Lusii et placitorum Boiamundi de Odone, Bonivassalli de Castro, Wilielmi Stanconis, Wilielmi Cigale, Nicole Roce et Oberti Recalcati » (IT)



« †;; Nel nome di Dio onnipotente, Padre Figlio e Spirito Santo. Amen
Sono sorvegliata da soldati, circondata da splendide mura


e scaccio lontano con il mio valore i dardi nemici.


Se pace tu porti, accostati pure a queste porte,


se guerra tu cerchi, triste e battuto ti ritirerai.


Il Meridione e il Ponente, il Settentrione e l’Oriente sanno


su quali enormi fremiti di guerre io Genova abbia prevalso.


Nel consolato del comune di Guglielmo Porco, Oberto Cancelliere, Giovanni Maluccelli, e Guglielmo Lusio, e dei placiti (giudici)
Boemondo di Odone, Bonvassallo di Castro, Guglielmo Stangone, Gugliemo Cigala, Nicola Roca e Oberto Recalcati »

 

 
 
 
 

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati

7 Risposte

  1. Alfredo

    Complimenti per l’articolo e per le belle foto.
    Genova è piaciuta molto anche a me, spero di tornarci presto per visitare anche i monumenti che non sono riuscito a vedere.

    • Laura Renieri

      grazie Alfredo!
      sono molto felice che il mio post sia piaciuto!!

      Genova è una città meravigliosa, basta solo scoprirla!
      Laura

  2. Laura

    ciao Serena!! grazie mille.. ogni tanto mi piace cambiare! ;D

  3. Serena P.

    Belle queste foto!! E carina la nuova fo del titolo!!
    S.

  4. Laura

    ciao!!! grazie per il commento!!! Genova è ricchissima di angoli pieni di storia, bisogna solo scoprirli!! ;D

  5. Giorgia Student-Flair Blog

    Che bello questo scorcio del tuo paese 🙂