Niente di meno che il rapper di fama internazionale Snoop Dogg da il via alla sfilata firmata Philipp Plein che presenta la nuova collezione autunno inverno 2015/2016 a Milano durante la Settimana della Moda Uomo.

What’s my name apre lo show che riflette l’estetica adrenalina delle sfide a cui gli uomini sono chiamati nella contemporaneità. Sfida che si tinge di colore bianco e nero, verde miliare, grigio e bordeaux. La sfida ha un luogo in cui consumarsi: le strade urbane. Ed è proprio lì che la battaglia e l’idea del ring si sviluppano attraverso dettagli del mondo dello sport e dell’aeronautica: intrecci di ispirazioni forti divengono così parte di una collezione maschile aggressiva ed estremamente ricercata. Nella collezione proposta da Philipp Plein, infatti, le proporzioni ed i tagli vengono rivoluzionati mentre le pelli esotiche divengono protagoniste dei capi come mai prima. Per la maison si tratta di una vera e propria svolta verso una mondanità senza compromessi, definita #pleinwarriors

Fanno la loro comparsa così il bomber aviatore rivisitato in una versione ad alto volume. L’interno diventa pelliccia double face. La maglieria acquista un’aria ruvida, militare, in netto contrasto con i pellami extra morbidi a cui è accostata. Gli accessori seguono le linee guida della collezione autunno inverno sottolineando letteralmente la forza della collezione stessa: caschi, ginocchiere e protezioni ergonomiche proposti in nappa e pitone completano il look: perfetto per un vero uomo contemporaneo metropolitano

 PHILIPP PLEIN MEN'S FW1516 FASHION SHOW - Runway PHILIPP PLEIN MEN´S FW1516 FASHION SHOW - Runway PHILIPP PLEIN MEN´S FW1516 FASHION SHOW - Runway PHILIPP PLEIN MEN´S FW1516 FASHION SHOW - Runway PHILIPP PLEIN MEN´S FW1516 FASHION SHOW - Runway PHILIPP PLEIN MEN´S FW1516 FASHION SHOW - Runway PHILIPP PLEIN MEN´S FW1516 FASHION SHOW - Runway

Immagini courtesy of Philipp Plein | Tutti i diritti sono riservati

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati