Il più grande monomarca del marchio belga Bellerose, situato in Place Stephanie, ha riaperto i battenti dopo una ristrutturazione piuttosto significativa del luogo.

Giovedì sera, durante una serata all’insegna della “belgitude” sono stati svelati i nuovi interni del primo punto vendita del marchio. Armati di cornets di patatine in una mano e di una birra o un bicchiere di vino nell’altra, gli ospiti hanno potuto esplorare il nuovo design del negozio

 

 

Non vi preoccupate, però, poiché questa ventata di ristrutturazione radicale si è limitata a toccare l’edificio. Le collezioni sono, quanto a loro, fedeli alle caratteristiche prep-bohème del marchio.

Bellerose è, infatti, un marchio di abbigliamento belga fondato nel 1989 da Jean-Pierre Delhaye, Patrick van Heurck e Bouvy Charly. Nato come un’avventura di esportazione in Belgio di t-shirt e camice da uomo provenienti dalla Thailandia (dove Delhaye risiedeva), il non ancora marchio si scontrò immediatamente con un successo inaspettato tra la  clientela prevalentemente composta da amici e parenti. Ben presto Delhaye si rende conto che dovrà presentare collezioni più ampie, e  una distribuzione più sostanziale attraverso una rete di qualità. Viene in seguito in contatto con Bouvy Charly, proprietario del più grande negozio di abbigliamento multimarca in Belgio. Allo stesso tempo, Patrick van Heurck, allora distributore del marchio Ralph Lauren nel Benelux, si unì all’avventura, aprendo cosi’ le creazioni originali del neonato marchio ad una rete di clienti ben posizionata e di qualità. La squadra vincente saprà raggiungere un successo molto veloce e crescente. Reinventatosi in responsabile creazione e sviluppo dello stile e del concept in progress del brand, Patrick van Heurck lascia quindi a Jean-Pierre Delhaye i supporti logistici e la gestione degli impianti di produzione in tutto il mondo

 

 

Nel 1998, dopo le partenze successive dei suoi due soci, Patrick van Heurck resta quindi solo al comando (ma sarà presto affiancato da Bruno Nissen). Dall’inizio di questa nuova collaborazione sono nate collezioni dallo stile a cavallo tra il prep-bon ton di Tommy Hilfiger e le influenze più bourgeois-bohème; distribuite in una una rete di negozi dedicati al marchio ed al suo universo in Belgio, Francia, Olanda e Spagna

 Giulia

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati