Siamo passati indenni – o quasi – dalle tendenze che vedevano le nostre case come luogo di incontro per gli ospiti e per loro stessa definizione, immacolate e quasi scomode, senza suppellettili ed elementi di decoro alcuno. Abbiamo attraversato il minimalismo, lo stile nordico, la pulizia totale di tutto ciò che poteva essere annoverato nel di più. Ne siamo usciti più consapevoli ma anche con un desiderio nuovo e allo stesso ritrovato: quello di godere della nostra dimora come del comfort place per eccellenza. E così si torna indietro: alla morbidezza dei tessuti, alla riscoperta del calore che passa per i colori e l’atmosfera fatta di equilibrio fra materiale, profumi, suoni e forme.

Proseguiamo il cammino ritrovando il gusto di abitare e ci lasciamo dondolare dall’idea romantica e un po’ infantile forse che la casa diventa nuovamente il nostro luogo sicuro, quel posto dove conosciamo tutto e ritroviamo l’equilibrio: quell’equilibrio che ogni giorno viene messo a dura prova dagli agenti esterni e della routine moderna. Si torna a casa per ritrovarsi, per perderci nelle nostre abitudini, nel profumo di una candela che ci ricorda un viaggio, una sensazione, una persona ma al tempo stesso, ci fa sentire coccolati come se ne avessimo bisogno: in balia di un desiderio viscerale e naturale che ci riporta al nostro essere animale.

Questa condizione mentale di sicurezza, fatta di persone e situazioni in cui ci sentiamo protetti viene definitiva dagli psicologi: la comfort zone. E se da un lato ci fa bene uscire, incontrare gli amici e le persone con le quali lavoriamo, scoprire posti nuovi e lanciarci in esperimenti piccoli e grandi, dall’altro sappiamo che quando saremo stanchi potremo girare le chiavi nella toppa di casa e trasformare queste energie in spazio all’interno della nostra casetta, che ci attende premurosa e desiderosa di avvolgerci come un abbraccio per resettare la nostra mente e riposare il nostro corpo.

 

casa_comfort43.37

casa_comfort44.15

casa_comfort45.26 2

casa_comfort45.52

casa_comfort46.10

casa_comfort46.28

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati