Avete mai pensato di prendere un oggetto del vostro quotidiano, magari uno strumento della vostra cucina o della vostra sala e farlo diventare tutt’altro? Non nel senso di trasformarlo fisicamente in qualcosa di diverso, ma nel trovare un’altra chiave di lettura per un prodotto che ha fatto della presenza giorno per giorno il suo cavallo di battaglia.

Immaginatevi di poter liberare la vostra creatività esprimendo il vostro stile personale attraverso il riutilizzo di un oggetto. Si, mi sta sfidando a farlo in realtà non sono solo io ma, insieme a me, il guanto di sfida vi viene lanciato da Sambonet. Il grande leader nell’oggettistica per la casa e per gli strumenti della cucina si mette in gioco ed immagine i suoi prodotti in ambiti diversi da quelli usuali. “Il posto più strano per…” è il nome della sfida che ho voluto cogliere al balzo e che lancio verso di voi. Si tratta di un gioco che può essere interpretato in due modi differenti. Il primo è l’uso alternativo dell’oggetto mentre il secondo costituisce il luogo più inconsueto in cui ambientare l’oggetto stesso. I prodotti di design di Sambonet diventano così nuovi oggetti per la casa e per la nostra quotidianità.

sam1

Una frusta per le uova può diventare un porta candela, come un cucchiaino può diventare un segnalibro oppure ancora un’oliera può diventare un vaso per i fiori freschi. La parola d’ordine della sfida è ripensare l’uso e decontestualizzare il prodotto. Si può giocare con la forma ed i dettagli estetici del prodotto fino ad arrivare a stupire per l’originalità della sua collocazione, risultando questo in armonia oppure in contrasto con il paesaggio circostante.

Come vi dicevo, ho voluto cogliere la sfida “Il posto più strano per…” di Sambonet utilizzando uno strumento che, nella nostra cucina, viene utilizzato molto, molto spesso.

Si tratta della paletta per il pesce.


Si, uno degli strumenti indispensabili fra i fornelli, realizzato in acciaio inox. Ho voluto sia cambiargli collocazione: dalla cucina infatti è finita in camera delle bambine, sia modo di utilizzo. Abbandonato il pesce è stato infatti destinato ad essere un nuovo attaccapanni dedicato appunto alle più piccole di casa. Sicuramente un modo divertente per ripensare uno strumento quotidiano in una chiave giocosa e creativa.

A questo punto non vi resta che partecipare e godervi i contenuti pubblicati on-line che partecipano a questa sfida che potrete ritrovare grazie agli hashtag dedicati #freeyourdesign e #ilpostopiustranoper

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati