Difficile essere invitati presso Superstudio Più e non assistere ad un evento con i contro fiocchi. Se poi ad invitarti è niente di meno che Elizabeth Arden, beh allora devi segnare in agenda l’appuntamento assolutamente! Finalmente un evento diverso dal solito, colorato, dinamico, moderno, ma andiamo con ordine

 

 

L’appuntamento era fissato per le 18.30, location in via Tortona al 27, di un pomeriggio estivo perfetto. Vengo accolta da un fresco buffet, calici di prosecco e ventagli bianchi. Incontro le mie beauty-blogger-amiche: Anjeza, Loretta, Lucia ed Angela e ci posizioniamo al centro della sala in attesa della presentazione

 

Dopo una breve presentazione è iniziato il vero e proprio evento con installazioni video e balletti tutti al femminile. Si è così ripercorsa l’evoluzione di Elizabeth Arden che, non paga di essere un brand sulla breccia da anni, vuole re-inventarsi ancora ed ancora

 

 

Ed ecco i protagonisti di questo cambiamento, i prodotti stessi: la nuovissima linea Visible Difference

una routine di trattamento per tutte le donne dai 25 anni in poi ideata per riequilibrare, donare un aspetto sano e rivelare il naturale splendore della pelle.  Elizabeth Arden ha così messo a punto una gamma di 19 prodotti e l’ha declinata in 3 regimi che promettono di apportare un miglioramento visibile nell’aspetto della pelle in soli 6 giorni (*Utilizzando il nuovo Visible Difference Optimizing Skin Serum assieme al regime di cura della pelle ispirato ai trattamenti SPA. Test su 55 consumatrici americane tra i 30 e i 50 anni che hanno usato in casa Visible Difference Optimizing Skin Serum)

Non vi resta che scoprirla in negozio, presto la mia review on line!!

Laura

 si ringrazia per le immagini della presentazione Anjeza, tutti i diritti sono a Lei riservati

 

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati