Vivere da anni in una citt√† lontana da casa, mi impone tremende nostalgie ma anche il piacevole rituale del ritorno. Il ritorno √® un po’ come una riscoperta, graduale riabituarsi a ci√≤ che ormai nella quotidianit√† ti manca…e come se ti manca!

E quando si torna, cosa si fa se non andare in soffitta, rovistare fra le vecchie cose, ricordarsi e sorridere? Si perché io questo rituale cerco di farlo sempre sorridendo! Sempre.

Vi garantisco che¬†non esiste pi√Ļ efficace e innovativa medicina¬†per il¬†sorriso¬†che¬†la moda. Nelle ultime due vacanze a casa mia, ho (ri)scoperto la moda che un po’¬†ho sempre sognato guardando le foto che mio nonno paterno¬†tiene, ancora oggi, gelosamente in soffitta. Le loro vacanze al mare nel periodo felice del boom economico, il termos del caff√®, i sorrisi interminabili sul pattino, la pasta al forno sotto l’ombrellone, quando non c’erano i fast food sulle autostrade bollenti.

Ho riscoperto il¬†primissimo costume due pezzi¬†della nonna paterna¬†che sorrideva con il cappello di paglia o i pantaloni “modello Capri” in una foto in posa con dedica sul retro: “Ti saluto dal mare“.

La gonna bianca svolazzante dei caldi pomeriggi in città e i bracciali di osso bianco flou che mi chiedo ancora oggi che fine abbiano fatto?!

Poi da un contenitore in latta, saltano fuori i capelli nero corvino della nonna materna che a soli 17 anni indossava un vestito sartoriale con gonna a ruota per il matrimonio di una parente in paese. Panini a volontà sullo sfondo, qualche liquore e la festa era bella che finita dopo ore a ridere chissà di cosa con gli sposi.

Le nonne io le ho entrambe e¬†l’armadio da requisire √® elevato al quadrato!

Su Trendology oggi vi parlo¬†dei souvenir fashion che¬†ho preso io “in prestito” dalle mie nonne e quanto della loro epoca porto nella mia, dando ai miei giorni un tocco che oggi definiremmo “vintage”. Ammetto per√≤ che un po’ ho rubato¬†anche dalla mia¬†mamma: gli anni ’80 hanno il loro perch√©.

Il paese delle meraviglie √®…in soffitta!

Che la missione abbia inizio: passiamo in rassegna i capi che vanno assolutamente prelevati.

Dalla nonna prendiamo…

  • Abitini trapezio: tipici degli anni 60, a tinta unita o a fantasia, li indossava la filiforme¬†top model¬†Twiggy che incarn√≤ un nuovo modello di bellezza per l’epoca.
  • I foulard da mettere al collo o sulla testa: Marilyn Monroe o Brigitte Bardot a Saint Tropez. Le ragazze dell’epoca li indossavano per andare in vespa senza scompigliare la cotonata pettinatura.
  • Le borse di pelle classiche: nere squadrate o testa di moro con chiusura a bottoncino. La nonna da ragazza vi infilava il polso e andava ovunque, vedi in molte foto…
  • I prendisole classici: ampi, a righe o a fiorellini, gialli o rosa quasi flou, le ragazze di un tempo li portavano per coprire il costume. Erano di cotone e molto molto leggeri, quasi svolazzanti!
  • I gioielli in stile vintage: io ne ho preso un paio da mia nonna. Due meravigliose margherite a clips con il cuore di perla, colore? Bianco e nero! Vai poi di giri di perle, sempre eleganti ed evergreen. Chanel ne ha fatto un must.
  • I cappotti classici: dal taglio sartoriale anni 60, con grandi bottoni e colletti arrotondati, per le signorine per bene che si recavano a scuola, all’universit√† o a lavoro… ed erano sempre elegantissime! La nonna dice che non ti sta, ma tu provalo!
  • Abito nero tubino: Quello di Audrey in “A Colazione da Tiffany” √® il simbolo della femminilit√† e chiave di grande sensualit√†. Una garanzia per tutti i tempi.
  • Gonna a ruota: vai¬†col twist! le ragazze lo ballavano alle feste in spiaggia alle prime note di una canzone al jukebox. La nonna indossava sempre una gonna a ruota, dir√† che ormai √® vecchia…ma non lo √® affatto!
  • Ballerine: per le pi√Ļ fortunate la nonna conserver√† ancora un vecchio paio di bicolor¬†Chanel. Altrimenti vanno bene lo stesso un paio qualsiasi, in vera pelle e super super cool. La ballerina √® ancora oggi la¬†scarpa versatile per eccellenza, indossata dalle Principesse e dalle pi√Ļ note fashion icon del panorama mondiale.

e dalla mamma invece…

  • Giubbotto di jeans vintage: la mamma andava a¬†liceo con il suo primo giubbottino di jeans un po’ scolorito e dal sapore ’80? Trovatelo, prendetelo!
  • Cinturone di pelle maxi: che la mamma metteva sui maglioni oversize con sotto i leggins o sui vestitini con le maniche a sbuffo, sulle tute aderenti come Madonna agli esordi…vi ricordate?
  • Le giacche degli anni 0ttanta con le spalle imbottite: Le giacche che la mamma indossava ragazzina nelle foto delle feste in famiglia, dove noi eravamo dei meravigliosi pargoli in carrozzina. Io ne ho rubata una meravigliosa a pois!
  • I Jeans¬†Levi‚Äôs¬†detti anche¬†“Mom jeans”: i jeans a vita alta stretti sulle cosce e sul sedere¬†che cadevano¬†leggermente pi√Ļ morbidi che si fermavano con o senza risvolto sulla caviglia. La mamma seduta sui gradini con le amiche fuori dalla scuola, indossava proprio¬†quelli e vanno cercati. Sono un must di stagione!
  • Tutone “stile Aladino”: in coda alla galleria fotografica, c’√® una vera¬†foto d’epoca dal mio archivio personale,¬†in cui io ero una pargoletta e la mia¬†mamma indossava una meravigliosa tuta perfettamente ’80 style! Recuperata dal suo armadio! (insieme al giro di perle e alla pochette)
  • I capi estrosi: fasce per capelli, occhialoni da sole¬†e orecchini maxi. Bracciali e collane super vistose. La mamma li avr√† in qualche cassetto…

Non c’√® nulla che non possa essere ritrovato, riscoperto, reinventato.

La nonna e la mamma ci insegnano a conservare e non a buttar via. Proprio¬†un vecchio detto popolare ci ricorda: “Conserva che poi ritrovi“.

 

Foulard-per-capelli-un-trend-in-stile-Saint-Tropez-2

foulardturbante-640x320

orecchini vintage

 

 

vintage audrey

Costumi-da-bagno-tutte-le-tendenze-moda-2017-per-il-mare_image_ini_620x465_downonly

gonna-a-ruota-roba-da-donne-3

cappotto rosa

giubotto 80

borsettina

landscape-1488278913-gettyimages-642980154

mia

Articolo scritto e redatto da TERESA ELEFANTE | Tutti i diritti sono riservati