Si è svolto ieri a Tokyo un evento particolare atto a celebrare il quinto anniversario dell’inaugurazione di Armani/Ginza Tower. Per l’occasione, la mostra Eccentrico allestita a Milano lo scorso settembre durante la settimana della moda donna, si è trasferita in Giappone dove resterà aperta al pubblico dal 30 novembre al 13 dicembre, al nono piano della torre

 

 

La mostra Eccentrico esporrà 51 abiti delle collezioni Giorgio Armani e Giorgio Armani Privé –  51 raffinate creazioni dal 1985 a oggi che, con la loro suggestiva bellezza, evocano una visione di squisita eleganza e fantasiosa immaginazione. Nella mostra saranno esposti anche oltre 200 accessori tra cui gioielli, scarpe, borse e cappelli

Dopo Milano, volevo portare Eccentrico a Tokyo per celebrare i cinque anni dell’Armani/Ginza Tower e rendere omaggio al mio amore verso la cultura e l’estetica giapponese, fonti di ispirazione continua nel mio lavoro” ha dichiarato Giorgio Armani

 

 

 

L’Armani/Ginza Tower, situata nel cuore di Ginza, il rinomato quartiere della moda di Tokyo, è stata inaugurata cinque anni fa, nel novembre 2007. L’edificio è uno dei simboli architettonici più rappresentativi del quartiere, non solo per le dimensioni (raggiunge il limite massimo consentito di 56 metri di altezza), ma anche per lo straordinario design d’interni ed esterni, che porta la firma degli architetti italiani Doriana e Massimiliano Fuksas. Peculiarità della torre è un motivo di bambù retroilluminato da una serie di elementi LED che si ritrova anche sulla facciata, accentuando la linea stilizzata della struttura in metallo color oro dell’edificio. Le “foglie” di bambù, rivestite da uno strato di plexiglas traslucido color bianco latte, creano l’effetto di un brillante mantello di luce che ricopre l’intera facciata

Una scusa in più per passare a curiosare la mostra, se siete in zona!

 

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati