Admiral, uno dei maggiori costruttori italiani di yacht di lusso, ha lanciato durante lo scorso Monaco Yacht Show, un nuovo concept di yacht: l’Admiral X Force 145. Non si tratta di un “semplice” superyacht, ma di qualcosa di più complesso. Ciò che rende questo yacht unico è senz’altro il design realizzato dalla Dobroserdov Design il celebre gruppo di designer monegaschi fondato da Sergey Dobroserdov e Ivan Babich.

Il nuovo yacht, che verrà probabilmente realizzato tra un paio d’anni, sarà caratterizzato da un’eclettica personalità: dalle piscine indoor e outdoor che creano un vero e proprio beach club consacrato al divertimento, al ponte anteriore che regala immensi sguardi sul mare.

Oltre agli incredibili 145 metri di lunghezza, le altezze infinte faranno spalancare gli occhi di chi avrà l’onore di osservarle, mentre gli interni in color lava, saranno illuminati da lampadari in cristallo e rifiniti con pavimenti di marmo. Oltre alle due piscine, il superyacht Admiral prevede la presenza di due sale cinematografiche, due eliporti, un garage, diverse attrezzature sportive e un’altra area piscina e spa su due livelli.

Le suite saranno dotate di balconcini privati ed alcune anche di giardini interni privati. Quello che caratterizza l’X Force 145 è un esterno molto sobrio dai contorni semplici e puliti. Le linee sinuose degli esterni verranno riprodotte anche all’interno con dei giochi di pareti vetrate scorrevoli che daranno un morbido continuum a tutti gli ambienti interni e cattureranno la luce naturale del sole per dare una naturale luminosità agli spazi.

Admiral X Force 145 è progettato sulla piattaforma dell’ M/N Messina, un’imbarcazione commerciale diesel-elettrica prodotta nel 2013. Questo gli conferisce una maggiore affidabilità e soprattutto una realizzazione in tempi minori rispetto agli altri progetti visionari della stessa categoria.

Al momento il prezzo è disponibile solo su richiesta ma si vocifera che si aggirerà su 1 miliardo di euro.

XFORCE145_3

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati