«Per quanto riguarda il mio aspetto fisico, sono alta un metro e sessanta, ho i capelli castani, il volto squadrato e gli occhi così disgraziatamente distanti l’uno dall’altro che mi ci vogliono tre settimane per riuscire a trovare un paio d’occhiali che si adattano al mio naso. Il mio viso non ha niente d’eccezionale, ma se mi vesto come si deve posso sembrare snella».  Lo disse agli esordi la giovanissima Jacqueline Lee Bouvier, fornendo a tutti un’immagine di se stessa molta critica e a tratti dissacrante. Un’immagine dismessa che però sarà destinata a diventare ben presto un mito intramontabile.

Nata a Southampton, il 28 luglio del 1929, Jacqueline trascorre i suoi primi quattordici anni tra inverni a New York ed estati in campagna, coltivando il suo amore per i cavalli e per l’arte in genere, la poesia in particolare di Charles Baudelaire e di Oscar Wilde. Si ribattezzò presto “Jackie” perché quel nome di battesimo era “antiestetico”, quasi come una gabbia, lei invece era curiosa, allergica alla ripetitività, alla routine.

Dopo il diploma non vuol fare la casalinga e si afferma come giornalista del Washington Times-Herald.

Ben presto però rompe questo rivoluzionario proposito: Jackie diventerà la Signora del mondo, quando nel 1951 a 33 anni conosce John Fitzgerald Kennedy…ed è subito amore! Inizia così la storia più affascinante e più celebrata dai rotocalchi di tutto il mondo.

Donna moderna e icona di stile, Jackie Kennedy Onassis ha trascorso quindi una vita in prima fila, cercando di tenere riservata la sua intimità a tutti i costi e lasciando trionfare un’immagine impeccabile. Oggi potremmo definirla la Regina di stile del 900, colei che incarna e riassume l’eleganza anni 60.

Oggi ho deciso di passare in rassegna il suo stile dalla A alla Z! Appassionata di abiti, vestiva in maniera estremamente sintetica, pochi pezzi e un solo punto focale. Poteva essere il taglio del tailleur, il colore: spesso mixava rosa, arancio o giallo con estrema sapienza.

Adorava il vestito-tubino o i pantaloni a sigaretta; di qui la sua grande modernità: un foulard di Hermès, una borsa di Gucci, tanto da avere un modello a lei espressamente dedicato, scarpa dal tacco basso, mocassino o sandalo caprese. Prediligeva l’haute couture francese, essenziale ma di qualità. Unico vezzo, un fiocco indossato sugli abiti durante il suo noto viaggio in India o quello che componeva la sua acconciatura al matrimonio con Onassis.

Questo solamente successivo ai 50 kg di seta dell’abito nunziale Kennedy, che la consacrò a più giovane first lady della storia. Giochi di decori, spalline omerali, punto vita ben sottolineato, una splendida collana di perle e tocco finale un velo di pizzo veneziano che era stato della nonna. Una donna che univa il passato al presente e che aveva in sé il futuro che precorreva come nessuna. Androgina ma tanto donna!

A fare la differenza erano spesso i suoi accessori, il foulard sui capelli ad esempio! Da annodare sotto il mento, molto trendy e vintage. Il filo di perle a suggellare sempre un outfit, un vero filo conduttore fra passato e futuro. Jackie era fashion anche in spiaggia dove è d’obbligo sfoggiare un costume colorato, magari arancione con le coppe, in stile sixsties! Per sperare di avere anche solo un briciolo della sua classe, dobbiamo sempre avere nel nostro armadio uno dei suoi tipici abitini smanicati con bretellina larga, quelli che arrivano appena sotto il ginocchio, possibilmente di un bel rosa.

Era, infatti, il 22 Novembre del 1963 quando indossò l’abito che ha fatto storia del costume: il tailleur rosa di Chanel. Chiunque abbia osservato, anche distrattamente, le foto dell’epoca si sarà trovato di fronte una donna perfetta anche nella tragedia. La TV era in bianco e nero e soltanto un anno dopo, nel 1964, si seppe, per lo stupore di molti, che quell’abito era rosa. Si rosa!

Quel tailleur tanto rosa di Chanel era un abito della collezione Autunno Inverno 1961. Coco, in netta rottura con Christian Dior, voleva liberare le donne da un bon-ton eccessivo ma voleva anche giocare sul genere formale, rompendolo un po’: rosa borghese quindi, ma silhouette moderna.

Quale migliore testimonial? Jackie non sarebbe Jackie senza i suoi tailleur bon ton, gli abiti a trapezio, gli occhiali da sole rotondi e…maxi, i cappottini animalier, i pantaloni capri. L’archivio degli scatti che ritraggono la first lady è un vademecum di eleganza, glamour, femminilità!

Non era ancora il tempo delle “Influencer” ma Jackie ne fu un’antesignana.

 

Articolo scritto e redatto da Teresa Elefante | Tutti i diritti sono riservati

 

Jackie 1

jackie13

jackie-kennedy-style

 

www_mybenita_com8ea4eeefd8ff80edba6dcf78e-2c7090f5bf6aba90c8af7661a8303bf5989a8c7e

4b90f2d9f428fbd7fabf70ae6938880b

ea30ea67e3dd0940e257c91e28d62e47--street-style-looks-jackie-kennedy

original-8d3b8818bmoda-jackie-o-foto-a-gettyimages-50771403-19708085-1-ita-it-foto-a-gettyimages-50771403-jpg

ClioMakeUp-Tailleur-Rosa-Chanel-16

 

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati