L’amore per le cose belle si insegna fin dalla nascita, ricreando intorno al nuovo arrivato in famiglia un ambiente sereno, accogliente e unico. Ma l’amore per le cose belle è – anche –  una dote innata, come se, dentro di noi, ci fosse una calamita che ci trascina da una parte o dall’altra. Come una forza potente che ci fa scegliere persone, cose e posti senza che quasi noi ce ne accorgiamo.

Una delle cose belle che vorrei insegnare alle mie figlie – e che sto già cercando di portare avanti, seppur nel nostro piccolo – è proprio l’amore per le cose belle ovvero la costante ricerca di sensazioni positive, di energia che muove il mondo e noi stessi, di soddisfazioni personali, di cose frivole di vitale importanza. Essere donne è una condizione magica e meravigliosa allo stesso tempo: possiamo dare la vita, possiamo affrontare la quotidianità con un approccio unico ed indescrivibile, possiamo goderci tutti i lati della nostra personalità così sfaccettata e completa.

 

E sì, possiamo anche goderci un sabato pomeriggio fra donne a farci belle, a cambiare il colore o il taglio dei nostri capelli per sentirci più femminili, per piacere di più a noi stesse – e agli altri. Cose frivole di vitale importanza, ve lo dicevo prima e lo ripeto adesso. Perché la bellezza passa anche per momenti di piccoli e grandi cambiamenti che ci rendono più forti e desiderabili, più fragili e determinate, più belle. Una volta ogni 3/4 mesi quindi porto le piccole in un luogo del cuore per me, un salone che sa sempre come accoglierti, dove ti ascoltano e capiscono i tuoi desideri e li rendono realtà a colpi di shampoo, forbici e phon. Perché tutte le donne dovrebbero avere il loro parrucchiere del cuore, fin da piccole.

Info utili

Luciano Colombo

corso Magenta 66

Milano 20123

Tel: +39 024818591

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati