Gasato, sincero, pulito ed energico. Sbobino l’intervista fatta qualche giorno fa a questo ragazzo che ha fatto della bici, in tutte le sue declinazioni, la sua vita e mi vengono in mente solo questi aggettivi. Ebbene sì, ho avuto il piacere – e l’onore!  – di intraprendere una piacevole conversazione con Vittorio Brumotti qualche giorno fa e ve la racconto qui

 

brumotti-IPER

 

 Vittorio è un uomo che non ama parlare di sè e della sua vita privata, sceglie con attenzione cosa rendere pubblico, e preferisce che il suo talento parli per lui, magari su youtube, dove pubblica da praticamente quando il sito è nato le sue prodezze (sul suo canale ci sono più di 2500 video!!)

Abbiamo parlato di tecnologia e ho scoperto che non sono l’unica a partire per le vacanze con due zaini dedicati solo a smartphone, tablet, go pro.. Anche lui è un appassionato, di quelli veri, di quelli che hanno capito che la tecnologia aiuta ma solo se ben utilizzata. Mi racconta che il suo approccio con i social, sopratutto facebook (quello che gli piace di più) e twitter (quello che per lui incarna la libertà di essere se stesso) è sempre ben calibrato fra sport e personalità, perchè gli piace essere se stesso anche in rete, tenendo per sè gli affetti e la quotidianità non legata allo sport

E’ un campione, di quelli veri, di quelli che partono da zero per arriva in alto, molto in alto. E’ un talento giovane (33 anni) pieno di energia e di entusiasmo, un bell’esempio per gli appassionati del genere che trovano in lui una ventata fresca, mescolata con una passione per il lavoro davvero profonda (è uno stakanovista che non ama andare in vacanza!). La conversazione è volata rapida e non mi è rimasto che il tempo di fargli i miei complimenti per i traguardi raggiunti, un grandissimo in bocca al lupo per i prossimi e…

Abbombazza!!

Laura

 

 IMG_8145

Brumotti-skull-WEB

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati