In una fantasmagorica NY di fine anni ’80 nacque il fondatore del brand HUF, Keith Hufnagel (da cui appunto prende il nome). In quel periodo, dove la musica pop e i look più stravaganti padroneggiavano, la più grande passione di Keith , lo skateboard, non era ben vista dalla massa. L’arte dello skateboarding sorse dopo la seconda guerra mondiale, verso gli anni ’50 in California, con lo scopo di far allenare i surfisti su delle “onde” anche fuori dall’acqua. Lo strumento utilizzato, appunto lo skateboard, fù costruito per la prima volta con una tavola di legno e con delle rotelle di acciaio o argilla montate dorsalmente. Purtroppo nel corso della storia moderna lo “skate” morì per ben due volte: la prima nell’autunno del 1965 , a causa della bassa qualità dei materiali e alle numerose giacenze nei magazzini, e nel decennio degli 80 per l’impennata della assicurazioni degli skatepark che ben presto chiusero. Così la maggior parte dei ragazzi abbandonarono la tavoletta. Grazie ai pochi rimasti ad usarlo, lo skate riuscì a rifiorire parallelamente alla new wave e allo stile punk rock che a loro volta nacquero dal desiderio di anticonformismo.

huf_spr14_d2_lookbook_4

E’ proprio in questo clima che Keith vive fino al 1992 quando parte all’insegna di San Francisco dove diventa un vero e proprio professionista; ciò gli permette di girare il mondo grazie a tutte le persone che lo sostennero e all’industria che lo finanziò. Hufnagel, spinto anche dalla sua creatività e dal “fai-da-te” decise di aprire le sua prima piccola boutique nell’eccentrico ghetto di Tenderloin District. Il suo scopo è quello di riunire i marchi più importanti dello streetwear in un unico posto, HUF. Oggi non è più un semplice negozio, ma è diventato un vero e proprio brand che spopola tra i giovani, caratterizzato da un’ampia gamma di prodotti di desing vintage e senza tempo con una particolare attenzione alla raffinatezza e alla funzionalità del prodotto che incorporano passato e presente per creare il futuro. Importante è anche l’uso di materiali specifici per durare nel tempo e “per resistere alle cadute” dallo skateboard. Insomma HUF è stato creato da uno skater per gli skaters, per coloro che si avvicinano a questo mondo e per chi ha voglia di evadere dallo status quo. La sua nuova collezione SPRING 2014 è un insieme  di abbigliamento, accessori e oggetti di stili di vita tra cui calze, occhiali, cappelli con l visiera piatta e addirittura un BRUCIATORE DI INCENSO! Tutto questo affianca il classico streetwear rappresentato in pieno dalle calzature. I colori sono molto accesi ma di certo ciò che risalta sono le stampe, che rimandano ai paradisi tropicali, quali le Hawaii. Ricordiamo inoltre le “shirt” a maniche corte tipiche del baseball, quelle  a maniche lunghe di lino con i pois e le magliette da basket. Insomma davvero moltissimi stili uniti dentro un calderone di pura creatività riuscendo a generare una linea perfettamente armonica.

huf_spr14_d2_lookbook_2

huf_spr14_d2_lookbook_7

huf_spr14_d2_lookbook_10

 

Foto credits courtesy of HUF | Tutti i diritti sono riservati

Articolo scritto e redatto Maria Andrea Cicchetti | Tutti i diritti sono a lei riservati