Domenica mattina alle ore 10.30 ho assistito alla sfilata di Marni, famoso brand Italiano fondato nel 1994 da Consuelo Castiglioni

 

La collezione, presentata per l’autunno/inverno 2012/2013; è caratterizzata da linee semplici e pure, volumi decisi e puliti. Infatti pantaloni alla caviglia e gonne scivolate fino al ginocchio vengono sovrapposte da maxi cappe, giacche a stola, cappotti che segnano la silhouette e pellicce. Le pellicce vengono declinate in varie versioni: cappotto in pelliccia lavorata ad intarsio rigata bianca e nera o tweed, gilet in visone nero o bicolore con maxi cintura in vita e cappotto patchwork di differenti pellicce. I cappotti vengono realizzati in vernice, in pitone, in tessuto stampato “fiori” o in tessuto arricchito da bijou. Il pelo viene proposto anche sui colli dei cappotti; piccoli arrotondati o maxi a mantellina. Caratteristica generale dei capispalla sono le maxi tasche, molto funzionali ma anche molto chic. Gli abiti da giorno sono semplici e lineari ma multicolore o in seta stampata “fiori”. Mentre gli abiti da sera sono strutturati ed arricchiti da decorazioni sul collo e sulle maniche; infatti i bijou diventano parte integrante degli abiti e non più semplici accessori. Tutti i look sono completati da collant di colore bianco e da fantastici accessori. Le calzature hanno un ruolo da protagonista nella collezione per il prossimo inverno, infatti, Consuelo ha ideato diverse proposte: zeppa in velluto nera e rosso con punta di metallo oro, ballerina con cinturino in vernice nera sovrapposta ad una maxi zeppa bianca,  décolleté con punta e tacco squadrato arricchita da un cinturino sulla caviglia, décolleté e sandalo declinato in varie versioni bicolore. Bauletti rigidi in pelle o velluto completano i look

 

La Settimana della Moda Milanese è finita, quindi posso ufficialmente dire che la mia sfilata preferita è stata proprio quella di Marni. Amo i collant bianchi abbinati al colore. Amo le pellicce. Amo le maxi cinture e le tasche sui cappotti. Amo le stampe. Amo gli abiti gioiello

Mat­teo

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati