Dior Backstage racchiude l’essenza unica del make-up Dior: un incarnato luminoso e naturale, con un tocco di vivacità, realizzabile con prodotti intuitivi e semplici da usare”. Ha affermato Peter Philips, Direttore Creativo e dell’Immagine del Make-Up Dior.

La collezione Dior Backstage, lanciata nel 2018, nasce, infatti, proprio dall’idea di Peter Philips di condividere i segreti del backstage con i non addetti ai lavori. La linea include prodotti universali, a prova di sfilata, formule perfette per ottenere risultati professionali e strumenti facili da utilizzare. Una collezione semplice e intuitiva, creata per permettere a chiunque di approcciarsi al mondo del make-up. Le tonalità principali sono, infatti, modulabili e inclusive. Studiate per adattarsi a vari incarnati.

Per la nuova collezione Dior Backstage Holiday Look, Peter Philips ha deciso di esplorare l’intensa luminosità del bronzo, tonalità iconica della Maison e delle sue creazioni couture, insieme alla forza del prugna, dando vita a due nuovi look essenziali, perfetti per il periodo delle festività e per accogliere il nuovo anno.

Due nuove palette per gli occhi, Dior Backstage Eye Palette, da abbinare a due tonalità di balsamo per le labbra, Dior Addict Lip Glow e due Dior Addict Lip Maximizer.

Ogni palette è studiata in base alla routine make-up Dior Backstage. Il primer è la base, per assicurare lunga tenuta e colore intenso. Al centro della palette, un ombretto dalla texture cremosa accentua il colore e aggiunge luminosità al make-up.

Peter Philips regala inoltre qualche tips per usare le palette al meglio: l’ombretto scuro può essere usato anche come eyeliner, per intensificare lo sguardo. Gli ombretti pigmentati si possono applicare da soli o si possono mescolare per dare vita a tantissimi look, naturali o più impegnativi, leggeri o intensi.

Ma vediamo più da vicino le due palette occhi. 8 tonalità di ombretto e un primer, per infinite possibilità. I toni prugna della Dior Backstage Eye Palette Plum Neutrals 005 sono combinati con il bronzo e l’oro pallido. Mentre la Dior Backstage Eye Palette Bronze Neutrals 006 riscalda il bronzo con note di marrone, mattone e rosso corallo.

Il segreto per un make-up occhi perfetto e personalizzato è certamente da cercare nei finish: satin, mat, perlescenti e metallici, che sono modulabili, versatili, facili da abbinare e adatti a tutte le tonalità di incarnato. Creano un make-up personalizzato, con tonalità dalla più naturale alla più intensa, per un look perfetto.

Il balsamo labbra Dior Addict Lip Glow è disponibile in bronzo o prugna. Questo balsamo, intenso, ma al tempo stesso delicato, idrata le labbra per 24 ore, assicurando un effetto emolliente e piacevole. Grazie alla sua formula composta per il 97% di ingredienti di origine naturale, infusa di olio di ciliegia. Dior Addict Lip Glow esalta la tonalità naturale delle labbra, rendendole più belle con un effetto rosato. Può essere usato da solo come una base, combinato con un rossetto o con Dior Addict Lip Maximizer, per un risultato super luminoso.

Dior Addict Lip Maximizer, gloss iconico per volume e brillantezza, arricchito con acido ialuronico, dona alle labbra un istantaneo effetto volumizzante. Garantisce inoltre fino a 24 ore di idratazione. E dopo 4 settimane di utilizzo, le labbra risultano l’86% più morbide e mantengono il volume nel tempo. Disponibile nelle due tonalità della collezione, ravviva il look e dona personalità con un tocco di colore, luminoso e glossy. Può essere applicato come base, usato da solo o applicato sopra un altro prodotto per una luminosità volumizzante.

Sono quattro le donne che prestano i volti alla nuova campagna Dior Backstage Holiday 2021: Bella Hadid, Imari Karanja, He Cong e Ruth Bell. Donne che rappresentano l’espressione di una bellezza universale. Bella Hadid e Imari Karanja le tonalità bronzo, mentre He Cong e Ruth Bell indossano il prugna.

Articolo scritto e redatto da LAURA GUERRATO ǀ Tutti i diritti sono riservati

A proposito dell'autore

Milanese, anzi dell’hinterland, fin da piccola sogna di trasferirsi in Australia, ma ama troppo l’Italia per farlo davvero. Si accontenta di viaggiare ogni volta che ne ha l’occasione. Classicista dall’adolescenza, laureata in Spettacolo e Comunicazione, ama il cinema in tutte le sue forme e in particolare quello d’animazione, meglio se giapponese. Lavora per “Gli Inglesi”, scrive da quando ha imparato a farlo e non si fermerebbe mai

Post correlati