Chateau d’Ax ha celebrato il suo 70°anniversario presentandosi al Salone del Mobile 2018 con una brand identity rinnovata. Ha stupito con nuove collezioni esclusive, preziose e innovative.

La società si è concentrata sulla ricerca. Le vernici hanno un effetto metallico. Tessuti e pelli impreziosiscono le pareti del living. I materiali sono innovativi ed eco sostenibili. Pannelli compositi in termo-resine a struttura alveolare che coniugano leggerezza, rigidità, trasparenza e design. Il Dekton, una sofisticata miscela per la produzioni di materiali ceramici e quarzo. Il tessuto flyer, atossico e anallergico, innovativo, riciclabile al 100%, morbido e resistente.

I pezzi presentati sono unici, rivolti al mercato internazionale. I divani sono preziosi ed esclusivi: gioielli realizzati con inserti e composizioni in oro e diamanti, disegnati dai maestri orafi della Fratelli Dinacci e forniti da Windiam.

I cuscini sono dipinti a mano. Importante la collaborazione con il designer Luca Micco, originale espressione del Made in Italy. L’uomo unisce la qualità artigianale italiana alla applicazione di rame, bronzo o zinco su pelli e tessuti. Luca Micco è il fondatore del brand Horo, creatore di una tecnica artigianale brevettata che permette di impreziosire e personalizzare qualsiasi modello rendendolo unico e originale.

I prodotti sono dotati di meccanismi relax innovativi, azionabili attraverso comandi vocali in grado di memorizzare le posizioni di comfort preferite. Ricercatezza e esclusività caratterizzano la nuova immagine di Chateau d’Ax.

In collaborazione con l’architetto Alessia Galimberti, Sergio Bizzarro, Corrado Dotti hanno preso forma la serie RiNG, il cui pezzo pezzo più importante è una consolle in strutture metalliche argento e bronzo e una linea di lampade, unica nel suo genere.

Per le centinaia di migliaia di visitatori, che ogni anno si aggirano per i padiglioni del quartiere Fiera Milano a Rho, il Salone del Mobile è un richiamo irresistibile. E’ l’avvenimento che celebra  la  primavera del design italiano e non solo. Chateau d’Ax, in questa occasione, ha strizzato l’occhio al lusso e ha saputo sorprenderci.

Articolo scritto e redatto da Daniela Rigoni | Tutti i diritti sono riservati

Chateau d'Ax_Salone del Mobile 2018 (2)

Chateau d'Ax_Salone del Mobile 2018 (8)

Chateau d'Ax_Salone del Mobile 2018 (21)

Chateau d'Ax_Salone del Mobile 2018 (24)

Chateau d'Ax_Salone del Mobile 2018 (36)

Chateau d'Ax_Salone del Mobile 2018 (40)

Chateau d'Ax_Salone del Mobile 2018 (43)

Chateau d'Ax_Salone del Mobile 2018 (51)

Chateau d'Ax_Salone del Mobile 2018 (54)

Chateau d'Ax_Salone del Mobile 2018 (58)

 

A proposito dell'autore

Daniela, torinese DOC, amante della natura e della montagna ma cresciuta col tacco 12. Avvocato e docente, in Italia e all'estero, ha i geni della scrittura ed ama l'eleganza, il bon ton e la grazia in tutte le sue forme. Esteta, eclettica ed imprevedibile, tra una lezione di diritto e marketing internazionale una uscita in apnea o sulle distese ghiacciate, scrive di amori, di emozioni, di relazioni, di sogni e di bellezza come autentico stile di vita. Ama viaggiare in treno e catturare istantanee dei mondi che incontra.

Post correlati