Cache Cache promuove il social shopping

In anteprima in Italia nel monomarca Cache Cache di Assago

Arriva ‘Tweet Mirror’

Prova, scatta ed invia!

 

3 Mosse per condividere i propri look in tempo reale

Meglio blu o rosso? E la lunghezza giusta della gonna? Non sei sicura se il vestito scelto piacerà ‘al tuo lui’? Sei andata sola a fare shopping, i dubbi ti attanagliano la mente e vorresti condividere il tuo look con le amiche? In anteprima in Italia da CACHE CACHE è arrivato Tweet Mirror: e lo shopping diventa ‘social’

Tweet Mirror da la possibilità di divertirti in un modo unico e innovativo, facendo social-shopping: ti provi gli abiti easy-fashion, ti ‘specchi’ e scatti una foto che, in pochi click, puoi condividere su Twitter, Facebook o inviarla via e-mail o MMS a tutti i tuoi contatti.

Dalla collaborazione con Nedap Retail, CACHE CACHE promuove un nuovo modo di fare shopping: social, appunto. CACHE CACHE si fa portavoce delle tendenze e rivoluziona il modo di fare acquisti avvicinandosi alle esigenze di una giovane donna con un senso giocoso per la moda, che non si prende sul serio e che veste in modo originale, fresco e non rinuncia mai ad ascoltare il suo istinto

CACHE CACHE, dopo il grande successo di Tweet Mirror all’estero, è la primissima realtà in Italia ad utilizzare questo straordinario specchio interattivo ideato da Nedap Retail, collocandolo nello store monomarca del centro commerciale Milanofiori ad Assago (Milano), uno tra i più grandi e frequentati in Italia

Da oggi fare shopping non è più la stessa cosa; a ritmo di prova, scatta e invia fare acquisti è diventato un’ulteriore occasione di condivisione

Che ne pensate? Lo usereste se ci fosse nel vostro centro commerciale?!

Per leggere articoli collegati clicca sull’immagine

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati