Si tratta di una vera e propria tendenza che sta prendendo forma giorno dopo giorno. Dall’alimentazione allo stile di vita, il movimento slow acquisisce ogni giorno nuovi seguaci. Il disegno di oggetti unici realizzati da forme artigianali con tecniche ancestrali costituisce la chiave di questo nuovo movimento. Un nuovo e creativo modo di conquistare gli appassionati del genere del design con il savoir-faire della tradizione, assolutamente irresistibile.

Il segreto sta tutto nel lavorare materiali naturali con il fine di trasformarli in complimenti d’arredo per negozi e appartamenti. Si rubano letteralmente le idee ai giardini, lussureggianti e verdi. Mobili bassi di legno con inserti materici, i famosi cactus verdi di cui ormai non si può più fare a meno, i vasi bianchi senza tempo. Questi sono alcuni elementi chiave di questo nuovo movimento di Slow Design che arreda con uno stile unico ed inedito, rubando letteralmente le idee al passato e fondendole con accostamenti insoliti.

Lo stile Slow Design acquisisce forma e spazio attraverso i piccoli e grandi oggetti: dai piatti di ceramica di gres fino ai mobili con dimensioni importanti. I Designer diventano scultori, ricercatori di materie prime, inventori di nuovi accostamenti cromatici e materici. Outdoor e indoor iniziano a fondersi lentamente, in un gioco di equilibri ben ragionato che prende forma arredando piccoli e grandi appartamenti cittadini. Sembra proprio che la tendenza prosegua verso il futuro tornando indietro ad affiorare mente e mano nella tradizione secolare di scelte materiali e geometriche. Le forme, anch’esse, tornano ad acquisire un carattere essenziale e funzionale con un effetto “bello e utilizzabile”.

slowdesign1

slowdesign2

slowdesign3

slowdesign4

slowdesign5

slowdesign6

 

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati