1. Sabato, ore 18.40 Frecciarossa Milano – Torino
    Ha avuto inizio così la mia avventura del fine settimana. Compagna di questo viaggio, la mia nuova valigia firmata Mandarina Duck: un esempio di design e leggerezza che mi ha aiutato in questo viaggio in treno. Il viaggio sul Frecciarossa è trascorso velocemente ed sono arrivata alla stazione di Torino Porta Nuova in perfetto orario, giusto per impazzire nella vana ricerca di un taxi che sembrava essere diventata la merce più rara e preziosa di un sabato sera. Sfortuna ha voluto, infatti, che al mio arrivo ci fossero contemporaneamente lo sciopero dei mezzi pubblici, il festival del cinema e la partita, che hanno catalizzato tutti taxi lontano dalla stazione. Gambe in spalla non mi sono fatta prendere dal panico e sono arrivata al mio albergo, dove tutta la fatica è stata rapidamente ripagata da una camera accogliente e romantica
  2. Un rapido cambio in uno degli alberghi più caratteristici di Torino, il Victoria, dove ha
    avuto la fortuna di soggiornare, e poi subito nella hall dell’albergo dove ho incontrato le altre blogger che come hanno diviso questa esperienza. Ci siamo dirette subito al punto di incontro, dove un tram colorato ci attendeva per
    un evento davvero particolare: una cena itinerante per le vie di Torino

  3. Cena sul tram! Noi siamo pronti, Seguiteci!!! #nataleatorino w/ @alemomastyle @eguardoilmondoD @toccodizenzero
  4. Eravamo più di una ventina, tutti curiosi di scoprire queste vie così romantiche, magiche,
    suggestive ed ovviamente natalizie che Torino aveva preparato per noi. Ad accompagnarci ci sono state delle guide speciali, un piccolo gruppo di blogger torinesi che si sono aggiunte al gruppo “turistico” per raccontarci un po’ della loro città,
    iniziativa grazie alla quale sono finalmente riuscito a conoscere di persona Sandra, una talentosa blogger di food che fino a quel momento avevo conosciuto solo tramite Twitter

  5. La cena è
    stata un percorso enogastronomico attraverso alcuni dei piatti più tipici della
    cucina piemontese, abbiamo così avuto modo di assaggiare alcune delle
    prelibatezze specifiche del territorio, che ci hanno fatto sentire ancora più
    accolti e benvoluti in questa città addobbata festa
  6. Durante tutto
    il percorso abbiamo avuto modo di scoprire alcuni punti davvero suggestivi della
    città, la cui architettura vale da sola l’intera visita, ma vederla di sera,
    illuminata, maestosa e pronta per essere scoperta è stata davvero un’esperienza
    molto piacevole, accompagnata inoltre dall’ottima compagnia delle blogger con le
    quali ho condiviso il mio tavolo sul tram:
    Alessandra, Arianna e Linda

  7. Alla fine
    della serata, un po’ provati dalla giornata e dal freddo pungente che si è fatto
    sentire, siamo tornati in albergo, dove ci siamo regalate qualche momento per
    chiacchierare e conoscerci meglio, e quale occasione migliore se non una
    camomilla bollente davanti ad un camino acceso?
    Verso l’una sono ritornata in camera
    dove la valigia ed un po’ di disordine mi attendevano, ma sul letto avevo anche
    due sorprese: alcuni opuscoli informativi su Torino, che conserverò gelosamente
    per una mia prossima visita “privata”, ed una composizione floreale, dal sapore
    davvero natalizio ed artistico, realizzata per noi dal
    talentuoso Marco Segantin [Atelier via Andezeno n. 52, Chieri (TO)]

  8. Una serata davvero entusiasmante, ricca di parole, immagini, luci che mi ha fatto sentire a casa anche in una città che non conosco molto bene ma che mi ha davvero incuriosito e che mi ha lasciato la voglia di andare a dormire e svegliarmi presto per scoprirla ancora

    Laura

  9. Ad attendermi in camera una dolcissima #buonanotte .. Che gioia essere a #nataleatorino ❤

A proposito dell'autore

Girl. Mamma di Gaia&Giada. Ingegnere. Travel addicted. Nata al mare ed incastrata in città. Credo nel web, nella valigia sempre pronta, nell'essere parte di un team e nella qualità del lavoro. Dirigo un magazine online con una redazione di 30 autori ed insegno ciò che ha fatto diventare la mia passione un lavoro.

Post correlati

2 Risposte